Gossip News » Primo Piano » Fabrizio Corona, parla Lele Mora: “Deve riconquistare suo figlio e Nina Moric”

Fabrizio Corona, parla Lele Mora: “Deve riconquistare suo figlio e Nina Moric”

Lele Mora, dalle pagine del settimanale Visto, torna a commentare la recente scarcerazione di Fabrizio Corona e dà all’ex re dei paparazzi alcuni consigli per non buttare al vento la nuova possibilità di vita che gli è stata offerta.

fabrizio corona lele moraFABRIZIO CORONA, I CONSIGLI DI LELE MORA

“Non l’ho visto, non ci possiamo incontrare. Fabrizio non lo vedo dal 2009, ma gli faccio arrivare i miei consigli da amici comuni o direttamente da don Mazzi, perché so che ogni tanto va a trovarlo. Corona deve comportarsi bene, ha avuto una grandissima opportunità e non deve bruciarla. Il carcere è un’esperienza terribile, la più brutta possibile. Quindi dovrebbe evitare di frequentare alcune persone che lo cercano solo per avere informazioni e interviste. Sono solo degli opportunisti. Posso dirlo perché ho avuto esperienze dirette con queste persone, a cui io ho dato tanto ricevendo in cambio solo tradimenti”, dichiarare Lele Mora.

Poi aggiunge: “Fabrizio dovrebbe sapere che chi lo usa non è suo amico come dice. Per fargli del bene dovrebbero lasciarlo nell’ombra: lui è malato, vuole ancora essere protagonista ma, almeno fino a quando non avrà scontato la sua pena, deve fare un passo indietro. Spero lo capisca”.

Per Lele Mora, ora Fabrizio Corona dovrebbe concentrarsi sulla difficile impresa di riconquistare il figlio e Nina Moric: “Gli direi di pensare a suo figlio, che è un bambino meraviglioso. Se è un uomo intelligente, deve cercare di godersi la sua famiglia, anche riconquistando l’ex moglie. Nina Moric è stata innamoratissima di lui, e credo che lo sia ancora. Il giorno del loro divorzio lei ha pianto ininterrottamente. Lui era in carcere, e io a lei ho detto che la vita può sempre cambiare. Se poi non torneranno ad essere una coppia, spero che riescano ad andare d’accordo e a volersi bene, almeno per amore del loro Carlos Maria, che ne ha passate veramente tante”.