Gossip News » Primo Piano » Bobby Solo: “Due volte miracolato dalla Madonna, ecco come è andata”

Bobby Solo: “Due volte miracolato dalla Madonna, ecco come è andata”

Bobby Solo, vero nome Roberto Satti, dalla vita ha avuto tutto. E’ riuscito a realizzare il sogno di vivere di musica diventando un cantante di successo di brani memorabili come “Una lacrima sul viso” e “Se piangi se ridi” ma come tutti, anche Bobby Solo ha vissuto dei momenti bui nella vita. A rivelarlo è stato lo stesso Bobby Solo che ha anche raccontato di essere stato miracolato dalla Madonna per bene due volte.

bobby-soloBOBBY SOLO, MIRACOLATO DUE VOLTE DALLA MADONNA

“Non mi piace parlarne troppo… sono cose di cui non è giusto atteggiarsi. Però è vero, per due volte almeno sono stato protagonista di fatti inspiegabili. Negli anni Ottanta mi si era spaccata in due una corda vocale. All’epoca i medici dissero che non c’era nulla da fare, non si poteva certo rincollare. Andai dalla Madonna di Lourdes e per miracolo dopo pochi giorni tornai a cantare”.

Un altro episodio avvenne in occasione di un gravissimo incidente stradale: “Stavo correndo in autostrada, andavo da Red Ronnie. Ad un tratto la macchina fece circa venti testa-coda. Non rimase più nulla solo l’abitacolo: avevo l’adesivo di Padre Pio incollato lì sopra, io non mi feci praticamente nulla”.

“Spesso faccio pellegrinaggi con la mia famiglia: siamo devoti del frate di Pietrelcina io e mia moglie e periodicamente andiamo a San Giovanni Rotondo. Medjugorje? Il mio agente-tv ci è andato ed è rimasto profondamente sorpreso. Mi sono fatto portare un sacchettino con un pezzetto di terra del luogo e un rosario che porto sempre con me. Ci andrò sicuramente a ottobre”. “

E sulla crisi spirituale che sta attraversando il mondo, Bobby Solo dice: “Tutti noi abbiamo una scintilla di Dio dentro di noi, solo che viviamo in un mondo fisico, materialista e spesso non ce ne accorgiamo. Quando sei giovane la fede sembra non essere utile, poi quando cominciano i problemi e i primi acciacchi si cambia idea. Sono convinto che non credere sia una grande punizione di cui prima o poi si pagheranno le conseguenze. Oggi con i tempi che corrono il materialismo uccide la parte spirituale ma la crisi sta riavvicinando molti alla preghiera”.