Gossip News » vip » Maria De Filippi: “Mia madre è stanca di vivere, sto vivendo un inferno”

Maria De Filippi: “Mia madre è stanca di vivere, sto vivendo un inferno”

Intervistata dal settimanale Chi, Maria De Filippi ha raccontato il dramma che sta vivendo con sua madre. La conduttrice di C’è posta per te ha spiegato che durante la registrazione di una puntata, si è commossa perchè vedeva in una storia quello che sta vivendo oggi.

maria de filippiMARIA DE FILIPPI, IL DRAMMA DELLA MALATTIA DI SUA MADRE

“Era fine luglio. Stavamo registrando C’è posta per te. Inizio con il leggere la lettera che racconta la storia di una figlia che scrive alla mamma. A un certo punto, la mia voce si strozza, ma la schiarisco. Poi riprendo. Poi continuo. Poi penso a mia madre, mamma Pina, mi fermo. Non ce la faccio. (…) Ho pianto. Pensavo fossi io. Forse ero io”, ha spiegato Maria De Filippi.

Maria De Filippi ha spiegato di non riuscire ad accettare la malattia della madre: “Non accetto i cambiamenti della vita. Il decorso naturale mi fa male. Faccio una fatica immensa. La morte di mio padre è arrivata dopo un lungo percorso, dopo una lunga malattia che mi avrebbe dovuto aiutare a capire che cosa mi stava succedendo attorno. Invece non è servita a niente. Ancora sento il dolore. E lo sento forte. Oggi la mia mamma sta attraversando un momento particolare. Lei ha 88 anni. Ed ecco che la mia estate cambia forma. Lo capisco, ok, chiaro. Ma non lo accetto”.

Per la conduttrice, la madre è stanca di vivere: “Oggi a mia madre interessano poche cose ed è come se fosse tornata bambina. Io vedo che si è stancata, che vuol staccare la spina in modo sereno. Lei mi parla, mi riconosce. Parliamo del passato, dei ricordi e lo fa con estrema serenità (…) Per me è l’inferno. Dovrei cambiare l’ingranaggio della mia testa. Impossibile”.

Ad aiutarla ci sono il fratello Giuseppe, il figlio Gabriele e il marito Maurizio Costanzo: “Oggi trovo in lui la sponda, l’appoggio. Con lui parlo di mamma Pina. C’è stata la crescita. I figli diventano protettivi nei confronti dei genitori e viceversa”.