Gossip News » Reality Show » Pechino Express » Pechino Express 2015, eliminati i Compagni: le prime dichiarazioni di Scialpi e Roberto

Pechino Express 2015, eliminati i Compagni: le prime dichiarazioni di Scialpi e Roberto

Quarta tappa fatale per i Compagni di Pechino Express, Scialpi e Roberto Blasi che hanno dovuto abbandonare il gioco nell’ultima tappa dell’Ecuador. A decretare la loro eliminazione sono stati il fratello e la sorella ovvero Andrea Fachinetti e Naike Rivelli, vincitori per la seconda volta consecutiva della tappa. Dopo aver eliminato gli Illuminati, dunque, i figli di Ornella Muti hanno deciso di mandare a casa i Compagni salvando, invece, la coppia degli Artisti.

pechino express compagniPECHINO EXPRESS 2015, PARLANO I COMPAGNI SCIALPI E ROBERTO

Nonostante l’avventura a Pechino Express sia terminata prima del previsto, il reality show è stato importanti per i Compagni. In un’intervista rilasciata al settimanale Chi, infatti, Scialpi ha dichiarato:

“Eravamo in questo viaggio; siccome le condizioni erano molto estreme, bene, allora lì, in quei casi, capisci se c’è o meno vera coesione. Eravamo vicini l’uno all’altro, quando ci sono quelle forti emozioni… Ecco, è scattata questa cosa e io, che sono il più esuberante, ho detto: “Vogliamo ricordarci di questo momento?”. Stavamo guardando una laguna. Poi gli ho chiesto: “Vogliamo unirci in matrimonio?”. E siccome il nostro è un amore come tanti altri, è un amore semplice, la risposta di Roby è stata: “Sì, facciamolo”.

I due si sono sposati lo scorso agosto e hanno raccontato la loro gioia sempre a Chi: “Adesso cambia tutto. Cambia perché ci siamo dati un ruolo riconosciuto nella società (in una società, attenzione, la nostra, quella italiana, dove non è ancora consentito essere marito e marito. C’è in più quella grandissima soddisfazione di poter dire: ‘È mio marito’. E questa è una emozione che io non avevo mai provato prima, ti dà un posto nel mondo. E poi, da questo momento, il gioco è diventato ufficiale, non siamo più una coppia di fidanzati, siamo una famiglia”.