Gossip News » Attualità » Omicidio Eligia, incinta di 8 mesi: Salvo del Grande Fratello conosce l’assassino

Omicidio Eligia, incinta di 8 mesi: Salvo del Grande Fratello conosce l’assassino

salvo eligiaLa tragica morte di Eligia Ardita, la donna uccisa all’ottavo mese di gravidanza dal marito Christian Leonardi ha sconvolto l’Italia.

Non sopportavo le sue urla, le ho tappato la bocca con la mano. Con forza. Volevo che stesse zitta” ha raccontato l’uomo, descrivendo le fasi dell’omicidio. Una confessione agghiacciante, una descrizione, quella di ciò che accadde quella sera, che mai dimenticheremo.

E che mai dimenticherà Salvo Veneziano, il pizzaiolo della prima edizione del Grande Fratello, che a “Quarto Grado” ha confessato di conoscere fin troppo bene l’assassino di Eligia, dato che ci è cresciuto insieme.

Sono 35 anni che lo conosco – ha dichiarato Salvo – Quando ho saputo il fatto l’ho preso come una tragedia, nel senso che ho pensato ‘poverino’, io sono stato uno dei primi a difenderlo. Anche ad altre persone che mi contattavano dicevo ‘Ma guarda, sarà successo quello che racconta’, tutto potevo pensare tranne che fosse stato lui. Il mio Christian è una persona affidabile, una persona buona. Non l’ho mai visto usare violenza nei confronti di qualcuno. Anzi, lui se ne stava alla larga in queste cose. Era il buono della compagnia. Abbiamo fatto le scampagnate, ci tiravamo l’acqua, i forchettoni. Lui era un burlone quindi quando tu cresci con una persona, tu dici ‘io questa persona la conosco come se fosse mia mamma’“.

Poi, a otto mesi dalla morte di Eligia, la confessione. Salvo è sotto shock: Quando vieni a sapere una cosa del genere, pugni in testa e tappamento di bocca. Io non lo voglio difendere ma secondo me lui non voleva ucciderla, lui voleva fare tutto tranne ucciderla. Adesso paghi. Non so come succedono queste cose qui. Si è chiusa la serranda e ha fatto quello che ha fatto. Io ritengo di non conoscere questa persona. Io non la conosco. Una persona può arrivare a tanto? Come se non fosse successo nulla. Ho sentito la telefonata che ha fatto al 118. Se non lo conosci va bene, ma io che ti conosco e sento quel timbro di voce come se avessi solo bucato la ruota della macchina, lì tu dici ‘ma questo chi è?’“.