Gossip News » Primo Piano » X Factor 2015, partono i bootcamp: ecco le squadre di Elio e Fedez

X Factor 2015, partono i bootcamp: ecco le squadre di Elio e Fedez

La fase dei bootcamp di X Factor è iniziata ieri sera con l’assegnazione delle categorie ai giudici. Elio ha gli Over , Mika gli Under Uomini, Skin le Under Donna, Fedez i Gruppi. Il rapper non nasconde la delusione di dover seguire la categoria, forse, più difficile. Oltre ai gruppi vocali, infatti, per la prima volta, quest’anno nella categoria sono state interite anche le band.

x-factor-2015-bootcampX FACTOR, ECCO LE SQUADRE DI ELIO E FEDEZ

Sono 83 i cantanti che hanno raccolto almeno tre sì dai giudici durante le audizioni. Troppo per il live a cui parteciperanno solo in 24. Ogni squadra sarà formata da sei cantanti e i primi a mettere insieme la propria sono Elio e Fedez.

Ecco chi saranno i 12 partecipanti alle Home Visit, per Mika e Skin la scelta è rinviata all’8 ottobre prossimo.

SQUADRA DEI GRUPPI DI FEDEZ

Per la sua squadra, Fedez ha scelto gli Osc2x che protano una versione di Centro di gravità permanente di Franco Battiato; gli Street Chords conquistano la sedia con una versione particolare di Estate dei Negramaro; i Moseek che convincono Elio e soprattutto Fedez con Somebody to Love; i LandLord che conquistano la fiducia del caposquadra con No rest for the Wicked di Lykke Li; gli Urban Strangers che pur non emozionando Fedez come alle audizioni, riescono a conquistare il suo sì; gli Iron Mais che confermano il successo ottenuto alle audizioni.

SQUADRA DEGLI OVER DI ELIO

Elio, invece, per la sua squadra ha scelto: Marco Sbarbati che non convince Mika ma ottiene il sì di Elio che è quello che conta; Massimiliano D’Alessandro che non convince Fedez ma piace ad Elio e al pubblico; Davide Sciortino che per i giudici è perfetto, moderno e con un suo stile; Diego Esposito che con “Guarda che luna”, strappa il sì di Elio che non può fare a meno di dargli la sedia; David Ayenivon che pur non convincendo totalmente Elio, strappa comunque il suo sì e, infine, Giò Sada, il più bravo secondo i giudici.