Gossip News » Reality Show » Grande Fratello » Kevin del Grande Fratello insultato per il colore della pelle: “Padovano doc? No solo figlio di magrebbo”

Kevin del Grande Fratello insultato per il colore della pelle: “Padovano doc? No solo figlio di magrebbo”

Kevin Ishebabi è uno dei primi nominati della quattordicesima edizione del Grande Fratello che, suo malgrado, è stato insultato sui social a causa del colore della pelle.

kevin-grande fratelloKEVIN DEL GRANDE FRATELLO INSULTATO PER IL COLORE DELLA PELLE

Kevin è stato insultato per un articolo a lui dedicato pubblicato su Il Mattino, edizione di Padova. Kevin arriva dalla città di Padova ed è nato da mamma italiana e papà della Tanzania. “50% Tanzania e 50% Veneto, vive come un privilegio e un orgoglio le sue due origini africane e italiane”, dice di lui la sua scheda sul sito del reality show.

Molti utenti, però, considerano una vergona la differenza culturale e hanno attaccato e insultato Kevin solo per il colore della pelle.

“Doc?? Di Origine Cioccolatina

Padovano???? No solo figlio di magrebbo!!!!

Padovano stó ca**o”.

E ancora: “El xe nero come el carbon”, “Importato, semmai”, “Boh, mi me par negro”, “È di Padova sud”.

Fortunatamente, però, c’è anche chi difende Kevin: “Nato. Cresciuto e educato a Padova. Quindi padovano. Non ho capito dove sta la stranezza di questo ragazzo che ha avuto la fortuna do partecipare a un gioco televisivo

Siete un mare di ignoranti imbeccilli tanto per cominciare é un mio amico d’infanzia secondo poi non avete il ben che minimo rispetto e se non avete rispetto per chi non conoscete figuriamoci per i poveri dei vostri parenti… Può non essere condivisibile la sua scelta di partecipare al gf ma giudicarlo solo per il suo colore sinceramente mi fate schifo… Non lo conoscete quindi dovreste stare zitti o esprimere un parere intelligente su quello che si vede dal programma… Ma la vedo dura visto la scarsa presenza di materia grigia che si aggira nel vostro cranio… Per concludere é sicuramente più Italiano e padovano di voi messi insieme”.