Gossip News » Primo Piano » Michelle Hunziker, l’indignazione per la donna uccisa a Catania: “Non possiamo andare avanti così”

Michelle Hunziker, l’indignazione per la donna uccisa a Catania: “Non possiamo andare avanti così”

Michelle Hunziker, da anni, combatte contro la violenza sulle donne con la fondazione “Doppia Difesa”. La showgirl svizzera, insieme all’avvocato Giulia Bongiorno cercando di aiutare le donne che subiscono violenza a denunciare i loro aguzzini. La tragica morte di Giordana De Stefano, una mamma di 20 anni uccisa dal suo ex convinvente a Catania, ha scosso profondamente Michelle Hunziker che, su Facebook, ha pubblicato un lungo messaggio per chiedere che si faccia qualcosa.

michelle hunzikerMICHELLE HUNZIKER E L’APPELLO CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

Michelle Hunziker ha così pubblicato una foto della ragazza e scritto un lungo messaggio con il quale ha espresso tutta la sua rabbia per essere costretta a leggere ogni giorno notizie del genere:

“La vedete questa splendida ragazza? Si chiama Giordana di Stefano. Una giovane mamma di 20 anni. La sua vita è stata spezzata. La sua bambina è rimasta orfana di madre perché il suo ex compagno le ha tolto la vita. Lei aveva denunciato il suo ex per stalking. Lei aveva fatto ciò che poteva e doveva fare per chiedere aiuto alle forze dell ordine e ai magistrati. Ma come al solito hanno tutti qualcosa di più urgente da fare…noi donne dobbiamo aspettare,avere pazienza,convivere con il terrore e nel peggiore dei casi,come Giordana morire. I tempi giudiziari sono troppo lunghi e dobbiamo combattere per far sì che le cose cambino. La legge sullo stalking è stato un piccolo passo e già ha dato i suoi frutti(si vede dai dati), ma è fondamentale che NESSUNO sottovaluti più una richiesta d’aiuto o una denuncia da parte di una donna che sta subendo stalking. Sono molto arrabbiata non possiamo più andare avanti così dio mio…è come se ci si stesse abituando anche al femminicidio e il valore della vita diminuisse giorno dopo giorno. Chiedo alle istituzioni di intervenire! Fate qualcosa. Vi prego….. Michelle”.