Gossip News » Primo Piano » Lorenzo Fragola accusato da una fotografa: “Ecco cosa mi ha fatto”

Lorenzo Fragola accusato da una fotografa: “Ecco cosa mi ha fatto”

11692680_376875772509738_1942486184252506309_nLorenzo Fragola si è montato la testa? Sicuramente se l’è tinta, visto il nuovo look estremo con cui si è mostrato ai fan questa settimana. Ma se oltre ai capelli platino c’è anche un po’ di spocchia, non ci è dato saperlo. Secondo una fotografa di Rockol, tale Marta Coratella, l’ex vincitore di X Factor non si sarebbe comportato particolarmente bene nei suoi confronti. L’accusa è di furto.

Ecco cosa ha raccontato la fotografa alla stampa: “Sono andata al suo concerto, accreditata da Rockol, ho fatto le foto, che sono state pubblicate sul sito con il mio nome e cognome. Contemporaneamente le ho pubblicate sul mio profilo Instagram. Fragola, tempo 5 minuti, ha preso uno scatto e l’ha ripostato tagliando i credits. Di conseguenza si è sparsa a macchia d’olio tra tutti i suoi fan. L’ha presa come se l’avesse trovata a terra, senza citare la fonte. È stato un furto. Gli ho scritto un messaggio in cui gli dicevo che la foto era la mia, se poteva lasciare il mio nome oppure, se non voleva, darmi un compenso per il mio lavoro. Lui mi ha mandato dei messaggi privati, ma non è stato molto carino, sostenendo che nella foto c’era lui, e quindi io non potevo pretendere niente, e che non sapeva neanche che io gli avessi scattato quella foto”.

La fotografa si è sfogata anche con Selvaggia Lucarelli, in diretta radiofonica su M2O: “Ho contattato Fragola per fargli presente che le foto erano mie e che sarebbe stato giusto riconoscermelo. Esistono i diritti d’ autore. A quel punto lui mi ha mandato messaggi assurdi, dicendo che nella foto c’era lui e che quindi non potevo accampare diritti. Ha aggiunto che ho rubato le foto, che non potevo neppure fargliele, solo che io ero regolarmente accreditata dal suo ufficio stampa. Addirittura mi ha detto che volevo lucrare su di lui. È come se io scaricassi i suoi dischi illegalmente e dicessi che ho il diritto di farlo“.