Gossip News » Attualità » Ex pedofilo seviziato e ucciso dai vicini di casa in modo orribile

Ex pedofilo seviziato e ucciso dai vicini di casa in modo orribile

UNILAD-oldham211Nel 1987 Terry Oldham è stato iscritto al registro dei molestatori sessuali per aver aggredito una 14enne.

A 63 anni, la vita di Terry a Camborne, in Cornovaglia, si era trasformata in un inferno. I vicini di casa, componenti di una gang, lo avevano preso di mira. Il gruppo, che conosceva il passato dell’uomo, era più volte entrato in casa sua per derubarlo.

Tra lo scorso 28 marzo ed il 1 aprile le cose sono degenerate. La gang ha fatto irruzione in casa del signor Oldham e ha cominciato a seviziarlo. Il gruppo, composto da Aaron Mallen (24 anni), Michelle Casterton (43), Daniel Quinn (23), e Richard Rosevear (33), ha picchiato a sangue l’uomo, lo ha costretto a mangiare feci di cane, gli ha urinato sopra e infine lo ha impalato con un manico di scopa.

Le lesioni interne non hanno lasciato scampo a Terry, ritrovato poco dopo senza vita con una serie di lesioni estese a testa, torace, addome, mani, braccia e gambe (oltre a una serie di  lesioni semicicatrizzate trovate durante l’autopsia che dimostrerebbero che non era la prima volta che Oldham era stato sottoposto a sevizie).

I vicini di casa, finiti al banco degli imputati, si sono difesi affermando che l’uomo stava bene quando sono andati via.

Veniva (la vittima) regolarmente perseguitata da loro, gli rubavano i soldi e gli averi – ha dichiarato il giudice Paul Dunkels – Erano a conoscenza del suo passato-ha continuato Dunkels-pertanto si sentivano autorizzati ad agire in questo modo“.

Consapevole che per colpa del suo passato, il signor Oldham non sarebbe mai stato aiutato dal resto del vicinato, il branco lo prendeva di mira ormai da tempo: “Terry Oldham si isolò sempre di più dal resto del mondo, cadendo in depressione mentre gli imputati si prendevano la sua casa e la sua vita” racconta il giudice.

Il processo alla gang dovrebbe chiudersi entro un mese e mezzo. Nel frattempo l’opinione pubblica inglese si divide tra chi chiede il massimo della pena per il gruppo di mostri e chi pensa che in fondo Oldham se lo sia meritato.