Gossip News » Video » Gabbani fa un nuovo video, ma tutti gli occhi sono per LEI: ecco chi è la donna misteriosa

Gabbani fa un nuovo video, ma tutti gli occhi sono per LEI: ecco chi è la donna misteriosa

Dopo il videoclip della canzone vincitrice di Sanremo 2017 Occidentali’s Karma (di cui sono state fatte anche divertenti parodie), Francesco Gabbani sfida le classifiche di Youtube con il video del suo nuovo singolo Tra Le Granite E Le Granate.

Ma nonostante il fascino ironico e sornione del cantante sia in grado, di solito, di monopolizzare l’attenzione, questa volta gli occhi degli utenti sono tutti per la protagonista femminile del videoclip, una moretta dagli occhi verdi davvero sensuale fasciata in un costumino di Janas Decò.

Lei si chiama Penelope Landini, classe 1989 ed è una modella e attrice romagnola che ormai da qualche tempo aveva incuriosito i suoi fan annunciando sui social la collaborazione con “un grandissimo cantante e cantautore italiano“.

In realtà Penelope non è proprio nuova al mondo dello spettacolo: l’avrete già vista in fiction come Atelier Fontana, Che Dio ci aiuti o La grande famiglia. Se siete amanti del teatro sappiate che lei era la Maria Maddalena del musical Maria di Nazareth – una Storia che Continua.

Una ragazza con la testa (bellissima) sulle spalle, come si evince da una delle sue ultime dichiarazioni: “So di essere stata una ragazza molto fortunata perché mi è stata data la possibilità di sbagliare, da sola e con la mia testa, subendo le conseguenze dei miei errori, la maggior parte di volte soffrendo e patendo, ed il tutto sempre da sola. E poi, ogni volta, mi rialzavo, leccandomi le mie ferite, senza piangere ne chiedere aiuto, mai. Per questo devo ringraziare solo due persone, mamma e papà. E dico loro Grazie per avermi lasciato sbagliare, per essere stati spettatori silenziosi e nascosti ma onnipresenti nella mia vita, senza mai prevaricarmi o decidere nulla al posto mio, e per aver così contribuito alla mia vera crescita, permettendomi di diventare la donna, la professionista e la mamma che so di essere oggi”.