Come si combatte il terrorismo? Con l’amore, con il coraggio, con la speranza. Concetti ben espressi dalle opere dell’artista parigino Fred Le Chevalier, che in questi giorni stanno spuntando, a sorpresa e all’improvviso, per le strade di Parigi e in particolare nei loghi che lo scorso venerdì sera hanno visto la morte di tante persone.

Questa settimana ero fuori città, dovevo tornare venerdì sera ma poi all’ultimo ho deciso di non modificare i miei biglietti – ha spiegato Le Chevalier – Abito a Marie-et-Louise, a 40 metri da dove c’è stata la sparatoria, nei pressi del Carillon e del Petit Cambodge, tutti luoghi in cui passo decine di volte al giorno. Al mio ritorno l’atmosfera era terribile, per questo ho deciso di affiggere al muro un disegno di un bambino con una candela. Poi nel pomeriggio ne ho messi altri diversi in tutto il quartiere, personaggi con cuoricini e angeli. Avevo bisogno di questo contrasto tra dolcezza e violenza. È il mio modo di partecipare.

Qualche passante ha deciso di dare il suo tocco alle opere di Le Chevalier. C’è chi ha aggiunto un cuore rosso, e chi ha scritto “Fai la guerra dentro al tuo cuore”.

darlin_le-chevalier4

darlin_le-chevalier3