Marco Mengoni racconta il suo passato: “Pesavo 95 kg e pulivo i bagni”

marco mengoniMarco Mengoni ce l’ha fatta, grazie a X Factor e grazie al suo straordinario talento. Ma la sua ascesa verso il successo non è stata semplice. Marco ha cominciato da basso, e vanta un passato come tanti. Il cantante ha raccontato a Sette, il settimanale del Corriere della Sera, il suo passato da barista:

Oggi adoro la professione di barman, ma l’odiavo. Avendo io vissuto un’infanzia molto solitaria, per me trovarmi di fronte a persone che ti chiedevano 50mila tipi diversi di caffè, cornetti e succhi di frutta, interfacciarmi con loro—io che ero uno che se ne stava in camera sua con la sua scrivania, le sue casse e le sue cuffie — era molto difficile. Il primo mese è stato disastroso. Anche lì, ovviamente, cominci dal basso: non mi vergogno di dire che ho pulito, per tanti mesi, dei gran gabinetti… Poi sono andato più avanti, e mi sono ritrovato dietro il bancone. Dove il vero lavoro è stato parlare con tutto il mondo. Uscire allo scoperto. Beh, ce l’ho fatta.

Tra i ricordi più dolorosi del suo passato c’è quello dell’obesità. Un tempo, Marco pesava circa 95 chili:

Non vuoi mai uscire, metterti a confronto con il mondo. Tanti motivi, che vedendoli oggi, mi metto a ridere. Ma se sei una persona sensibile vivi questa cosa con molta più pesantezza.

 

Per sua fortuna, nessuno l’ha mai preso di mira per colpa del suo peso.

No, a me fisicamente non è mai successo. Ero 95 chili per un metro e 84: e chi si provava ad avvicinarmi?! Se “me girava e pijava er matto”, lo facevo “a doghe”. Però ho assistito a persone che subivano… E mi sono sempre messo in mezzo. Non ho mai fatto a botte, in vita mia, e credo che mai lo farò, però sento l’esigenza di unirmi a lotte giuste che si fanno per la libertà degli esseri umani.