Pietro, il 13enne che ha rinunciato al suo regalo di Natale per darlo proprio a LORO

rinuncia-al-suo-regalo-di-nataleIl bambino sorridente che vedete in questa foto si chiama Pietro Busi. Pietro ha 13 anni e frequenta la seconda media della scuola Contardo Ferrini di Broni di Pavia.

Pietro è un bambino come tanti, un bambino con un sogno: mettere da parte un anno di paghetta e comprarsi una bella canna da pesca. Pietro però ha anche un altro sogno: da grande vuole lavorare in Africa per aiutare i bambini che nella vita non hanno avuto le sue stesse fortune.

In occasione di questo Natale, i due sogni di Pietro si sono uniti creando qualcosa di bellissimo: i 150 euro accumulati dal ragazzino per l’acquisto della canna da pesca, sono finiti nelle preziosi mani di Amref, che destinerà la cifra ai bambini africani.

Tutto merito di alcuni gemellaggi tra la sua scuola e una scuola africana grazie ai quali Pietro e i suoi compagni hanno conosciuto bambini della loro stessa età costretti a vivere in situazioni ben più difficili. La mamma di Pietro ha raccontato al Corriere della Sera che una volta, in quinta elementare, suo figlio aveva inviato a un bambino la foto della sua camera: “Da Malindi, in Kenya, gli era arrivato quello di un suo coetaneo, che aveva disegnato la sua capanna nella quale viveva, e Pietro era evidentemente stato toccato da questa esperienza“.

«Quello che mi piacerebbe far capire è che mio figlio non ha fatto questo per far parlare di sé, ma perché coinvolto emotivamente dalle vostre iniziative e dalle due splendide volontarie – ha scritto la mamma sulla pagina Facebook di Amref – Se mio figlio avesse preso a cuore la causa dell’Enpa, con la sua paghetta avrebbe comperato crocchette per i cani. Il suo gesto mi riempie di orgoglio».

Da parte sua, Pietro ha poco da dire al riguardi: “Io non sono speciale, magari ho fatto qualcosa di bello, che dovremmo fare tutti, ma non sono per niente speciale” ha dichiarato ai microfoni di Radio Capital.