emma-marroneFin dagli esordi televisivi di Emma Marrone si è parlato della sua presunta omosessualità, persino mentre la cantante veniva ripresa o paparazzata in compagnia di Stefano De Martino o Borriello.

Emma ha sempre preferito non rilasciare dichiarazioni a tal proposito, ma oggi si è aperta, cavalcando l’ondata di indignazione causata dalla manifestazione “Family Day”.

Quando all’inizio della mia carriera si parlò della mia presunta omosessualità, chiamai subito a casa. E papà mi disse ‘Non mi importa se torni con un uomo e una donna, basta che torni con qualcuno che ti rende felice‘” ha ricordato la cantante. “Se fossi gay non avrei problemi a dirlo, ma sono d’accordo con chi sceglie di non farlo. Non voglio difendermi. Essere gay non è un’accusa, né un insulto. Il coming out dovrebbe essere un fatto privato, un’esigenza personale, non una giustificazione o una scusa in un clima di caccia alle streghe“.

E se sua figlia fosse gay? Emma non ha dubbi: “Se avessi una figlia gay vorrei crescesse in un mondo in cui le siano garantiti gli stessi diritti di tutti. Soprattutto quello di essere felice. Nessuno può giudicare quando un amore è sano oppure no”.