Il servizio de Le Iene su Fabrizio Corona ha fatto discutere l’Italia. “Abbiamo scoperto che Corona, attraverso la sua assistente, si vende metà del compenso delle sue serate in nero – ha raccontato la iena Filippo Roma a Blogo – Il 50% dell’ingaggio è regolamentato dal contratto ed è onorato con un bonifico, quindi è tracciabile. L’altra metà, invece, viene pretesa dall’entourage di Corona cash, in nero, in contanti, nel momento in cui inizia la serata. Quando Corona si presenta con la sua assistente nel locale, rimane in macchina, non scende. L’assistente incassa il 50% del compenso in contanti, lo porta a Corona e quindi inizia la serata (…) Il 50% del compenso in contanti, non rintracciabili. E sappiamo bene che in Italia non si possono effettuare pagamenti in contanti sopra i 3 mila euro“.

E sì, si parla di più di 3mila euro, dato che il compenso a serata è di 7mila euro.

Anche Selvaggia Lucarelli ha ripreso la notizia, facendo notare che l’ex Re Dei Paparazzi non rispetta la legge in tanti sensi: “Apprendo da Le iene che Corona farebbe serate a 7000 euro in varie discoteche d’Italia e che la sua assistente si farebbe dare la metà della cifra in nero – scrive la gossip blogger – Vado a vedere delle foto di queste sue famigerate serate (questa di pochi giorni fa) e noto che nel rispetto della legge fuma pure in discoteca. Insomma, un uomo nuovo. Nuovamente Corona, verrebbe da dire. Poi certo, ci sono quelli che gli danno 7000 euro e quelli che battono le mani dietro di lui che di carcere se ne dovrebbero fare più di Corona, ma questa è un’altra storia“.

13151469_10153619740340983_326938556090817585_n