Bud Spencer: l’ultimo bagno di folla nella camera ardente – FOTO

immagini.quotidiano.netCarlo Pedersoli, alias Bud Spencer, è morto lunedì a 86 anni, circondato dai suoi cari. Come ha rivelato poi il figlio Giuseppe, l’attore non era malato, come si vociferava.

Ieri, a Roma, era festa. E anche per questo in molti hanno deciso di recarsi nella camera ardente in Campidoglio che ha ospitato il corpo del gigante buono del cinema. La bara aperta, il corpo riparato da un velo leggero, una bandiera della Lazio, alcune foto dell’attore nei suoi ruoli più celebri, fiori a profusione, le colonne sonore dei suoi film in sottofondo e un barattolo di fagioli. Perché si sa, “Anche gli angeli mangiano i fagioli“.

«Era un uomo libero con una gioia di vivere immensa. Era curioso di sapere cosa ci fosse aldilà e ora starà già ballando sotto le stelle – ha dichiarato la figlia Christiana – Vivere la vita così come viene e accettarla, questa era la sua filosofia di vita. Accettare il bene e il male e superarlo con il sorriso. Ci ha trasmesso questo. Lo abbiamo abbracciato fino all’ultimo giorno ed è rimasto tra le nostre braccia».

«Non lo ricordo mai triste, anche in questi ultimi giorni non sereni non aveva perso la voglia di scherzare – ha aggiunto il figlio Giuseppe – Non ha avuto alcuna malattia improvvisa, ma si è spento serenamente. Stiamo ricevendo messaggi da tutto il mondo».

Foto Vincenzo Livieri – LaPresse

5726704

Roma, la camera ardente per Bud Spencer Camera ardente Bud Spencer al Campidoglio Camera ardente Bud Spencer al Campidoglio Camera ardente Bud Spencer al Campidoglio Roma, la camera ardente per Bud Spencer Camera ardente Bud Spencer al Campidoglio Camera ardente di Bud Spencer nella sala Protomoteca in Campidoglio. Camera ardente di Bud Spencer nella sala Protomoteca in Campidoglio.