Giulia Latorre rinuncia al trono gay di Uomini e Donne e si arruola in Marina

Giulia-LatorreGiulia Latorre sembrava la candidata perfetta per il primo trono gay di Uomini e Donne. Anzi, pare che la figlia del marò Massimiliano Latorre avesse ricevuto la proposta ufficiale da parte dello staff del programma di Maria De Filippi.

Ma evidentemente non era il momento giusto, come ha spiegato Giulia ai microfoni di Radio Cusano Campus. “Come mai non mi hanno più chiamato al trono gay? Veramente non ho voluto io. Preferisco la Marina – ha chiarito la giovane – Ho rifiutato il trono gay perché voglio arruolarmi in Marina. Quella di rifiutare il trono gay è una scelta mia, il mio sogno era diventare attrice o arruolarmi. Voglio arruolarmi per servire la patria“.

Ovviamente ci sono delle regole da seguire, io ho già avuto questa esperienza, ho fatto la mini naja, so cosa significa, ho capito che quella sarebbe stata la mia vita – continua Giulia – Mio padre sa di questa decisione, è molto contento. Così come tutta la mia famiglia“.

Con mio padre mi sono riavvicinata, abbiamo chiarito. Poi ho anche altri problemi, mia madre si deve operare, ha un cancro, quindi la tv la sto mettendo da parte, la mia decisione è stata questa” spiega Latorre.

Il suo coming out è finito addirittura sui giornali, data la vicenda che stava coinvolgendo il padre Massimiliano, ma per Giulia ha rappresentato comunque una bellissima liberazione: “Non mi sono affatto pentita di averlo fatto. Sono fiera di essere ciò che sono. Non cambierò mai per niente e nessuno. Si dovrebbe vergognare chi giudica, non chi mostra di essere ciò che è realmente. Ultimamente la mamma di una mia amica l’ha scoperta e la stava cacciando di casa. Io sono rimasta allibita, non è normale una cosa del genere, è tua figlia, sangue del tuo sangue, e ti permetti di farle del male solo perché hai paura del giudizio della gente? Allora non sei madre, sei uguale agli altri esseri umani ignoranti“.