Lo ha chiamato G-Boost, o G-spot amplification lo speciale intervento in grado di aumentare il volume del famigerato Punto G. Stiamo parlando di Giacomo Urtis, noto chirurgo plastico dei VIP italiani.

La medicina estetica, unita alle nuove tecnologie viene incontro alle donne grazie al trattamento tutto al femminile G-Boost che amplifica l’intensità del piacere sessuale – si legge sui social del medico – Il vantaggio principale del G-boost consiste nell’ agevolare (grazie all’aumento volumetrico) la localizzazione del punto G, facilitandone la stimolazione“.

Il trattamento viene svolto in ambulatorio, in anestesia locale, pertanto è assolutamente indolore. Individuata il “punto “da trattare viene iniettato il filler di acido ialuronico che ne permette l’immediato rigonfiamento. Il materiale biocompatibile permarrà nell’area trattata fino al riassorbimento” spiega Urtis.

Il costo? 1000 euro per un intervento della durata di 10-15 minuti che andrà ripetuto dopo 4/6 mesi circa.

Oh, era un po’ che non leggevo una bella minchiata. Il filler che aumenta di volume il punto G mi mancava. Gli uomini posso tirare un sospiro di sollievo: da oggi saranno le nostre dimensioni a contare” ha commentato sarcastica Selvaggia Lucarelli.