simona-ventura-piange«Oggi sono la guerriera che sono sempre stata. Ho sette vite come i gatti. Ho avuto i miei momenti di debolezza, quelli in cui sono caduta sotto i colpi della vita, ma mi sono sempre rialzata». Con queste parole Simona Ventura si è descritta nell’intervista rilasciata al collega Maurizio Costanzo.

Tante le ferite subite nella grande battaglia che è stata la sua vita. Alcune in ambito lavorativo, altre, le più dolorose, in quello privato: «i fatti privati sono quelli che ti segnano».

Inutile dire che uno dei dolori più grandi, per Super Simo, è stato quello di affrontare il divorzio da Stefano Bettarini nel 2008, dopo un matrimonio decennale e due figli: «Io ero “Simona Ventura”, lui il bello del calcio italiano. Ero molto innamorata di lui (…) gli ho perdonato tante cose, sapevo dei suoi scivoloni, sapevo tutto. Qualcuna delle sue donne me l’è persino venuto a dire, e avrà sempre la mia stima».

L’ennesimo tradimento ha messo la parola Fine al rapporto. Solo che, quella volta, a tradire è stata proprio Simona: «Io nel matrimonio ho tradito una volta sola, dopo otto anni, lui molte volte. Ma la volta che ho tradito io, ho capito era finita. Gli uomini cazzeggiano, le donne sostituiscono».

Dopo il divorzio, un doveroso silenzio stampa: «In questi 12 anni da separati, non l’ho mai voluto attaccare, per proteggere i miei figli. All’epoca dell’addio sono stata crocifissa perché avevo deciso di lasciarlo, adesso il perché è chiaro a tutti». Fin troppo chiaro, considerando che lo stesso Bettarini ha elencato tutte le sue amanti nella casa del Grande Fratello VIP.

Ma ormai Stefano fa parte del suo passato. Il presente e il futuro della Ventura si chiama Gerò Carraro: «Io sono una che ci mette un po’, ma quando vado avanti non mi volto più indietro. Oggi posso dire che tutta quella sofferenza mi ha portato l’uomo della mia vita. A 45 anni lo capisci in modo consapevole».

La riprova che l’amore può davvero dare la felicità? Quando Maurizio Costanzo ha chiesto a Simona Ventura quale fosse il suo sogno, lei ha semplicemente risposto «Ho raggiunto molto di più di quello che sognavo».