Alessandro Cattelan: “Prima di condurre X Factor non l’ho mai visto”

Alessandro-CattelanAlessandro Cattelan è l’anima di X Factor da anni, e ormai i telespettatori non vorrebbero vedere nessun altro alla conduzione del talent di Sky Uno.

Eppure Cattelan non è sempre stato un fan del programma, anzi… “Prima di condurlo, X Factor non l’avevo mai visto – ha confessato il presentatore a Vanity Fair – Mi feci consegnare i dvd e mi misi a studiarlo per capire cosa era stato fatto in precedenza e cosa potevo fare di diverso”.

Fu amore a prima vista: “Capii che è un bel programma e uno show che sa intrattenere. Una gara in cui si viene valutati da una giuria e che non va presa come una sentenza definitiva sulla carriera di nessuno. Né in positivo, né in negativo: ciò che artisticamente determina vita o morte del concorrente accade sempre dopo. Perché a X Factor, dove la gara è vera e aspra, la cornice è tutto sommato protetta. I concorrenti tentano di emergere e farsi apprezzare cantando capolavori scritti da altri artisti. Fuori è più difficile e lo so perché fuori, dall’altra parte, sono stato anch’io“.

Lo sa bene uno dei vincitori, Michele Bravi, che dopo X Factor ha avuto un vero e proprio crollo e che solo grazie al suo canale Youtube è riuscito a tenersi la sua folta schiera di fedelissimi fan.

“Anche se l’ambito è diverso osservare i concorrenti è come guardare l’altro lato di una mia fotografia di allora – continua Cattelan – Parlo loro a petto in fuori, con solennità e postura che magari non mi appartengono, ma verso alcuni provo un’empatia totale. Quali? Quelli che condividono il mio spirito. Che non è mettersi in posa per potere dire ‘sono stato in tv’, ma dimostrare di meritare di starci. Non sono mai andato in video con l’ambizione di occupare uno spazio, ma con la voglia di dar vita alla tv che sognavo di fare. Non è facile neanche oggi. Facendo un programma ti confronti con tante persone e tanti modi di pensare. La tv costa soldi e quei soldi non sono mai tuoi“.