anziana-truffata-2-2Un vero e proprio genio del male. Stiamo parlando di una signora bresciana di 87 anni che, due mesi fa, si era recata in commissariato per denunciare lo stupro da parte di un vicino di casa romeno di 32 anni, Saint Petrisor.

In effetti, sugli slip e sulle lenzuola dell’anziana signora erano state trovate tracce di DNA maschile, il che è bastato perché Saint Petrisor finisse dietro le sbarre del penitenziario di Pavia, dove l’uomo è rimasto ben 39 giorni.

Peccato che il ris di Parma abbia poi scoperto che il DNA trovato in casa della signora apparteneva a un altro vicino di casa, un 68enne italiano (e sposato) con cui la vecchietta aveva un rapporto piuttosto intimo. Lo stesso uomo che l’aveva accompagnata al commissariato per la denuncia, tra l’altro. I due avevano inscenato lo stupro per liberarsi del vicino romeno, con il quale non avevano buoni rapporti.

L’avvocato di Saint Petrisor (nel frattempo scarcerato), Cristian Mongodi, ha dichiarato che procederà con una denuncia per simulazione di reato e calunnia ai danni dell’anziana signora e del suo complice, e chiederà un risarcimento per i giorni in carcere scontati ingiustamente da Saint Petrisor.