Da domenica non si fa che parlare dell’imbarazzante esibizione di Mariah Carey a Times Square in occasione del Capodanno 2017. Anche Jennifer Lopez ha detto indirettamente la sua, mettendo il like a uno dei tanti commenti che prendevano in giro la performance della collega.

Ma cosa è successo effettivamente quella sera? A tentare di spiegare l’accaduto ci ha provato la manager della Carey, Stella Bulochnikov:

Non solo lei non non ha saltato le prove, ma siamo arrivati a Times Square alle 2:30. Non erano pronti per lei fino alle 3:20. Abbiamo aspettato per il loro direttore di scena. Abbiamo avuto la fase 3:20-03:50. Aveva il cartonato in una danza per il numero musicale. Si è seduta sul lato del palco con il microfono e gli auricolari per assicurarsi di poter fare il sound check. La cosa più importante per lei era il suono. Il suono veniva a tratti. Le è stato assicurato che avrebbe funzionato per la sera.

Lei ha fatto un’intervista con Ryan Seacrest alle 10:35 circa, durante la quale il suono dagli auricolari era disturbato. Riusciva a malapena a sentire Ryan. Stava lottando per ascoltarlo attraverso il rumore di Times Square.

Siamo poi andati dal produttore esecutivo. E io dissi: “I suoi auricolari non funzionano, sono disturbati, abbiamo bisogno di nuovi auricolari per la performance” Ha detto, “Quelli non sono gli auricolari che userà durante la performance […] Abbiamo preso gli altri auricolari, ma abbiamo informato gli stage manager (ricordate che non si tratta del nostro team) che non funzionavano, lei non sente, è debole. Ne hanno portati di nuovi ma non funzionavano del tutto. Hanno cambiato la batteria. Ha detto che ancora non riusciva a sentire. Il secondo stage manager ha detto: “Non funziona qui nella tenda, funzionerà sul palco.” Ha detto, “Grande, andiamo sul palco.”

Siamo a 4 minuti dalla diretta. Lei dice: “Non sento nulla dagli auricolari,  sono morti.” L’altro direttore di scena dice: “Ce ne occuperemo mentre sarai dal vivo.” Poi le cose cominciano a diventare caotiche. Inizia il countdown – quattro minuti, tre minuti. Mariah: “Io non riesco a sentire.” Loro: “Sentirai bene quando sarai dal vivo- due minuti!”

Così, dal vivo, lei non ha potuto sentire nulla. Gli auricolari erano morti. Così lei li tira fuori dall’orecchio, perché se l’artista li tiene nelle orecchie, allora tutto quello che sente è il silenzio. Una volta che lei li ha tirati fuori sperava di ascoltare la sua musica, ma a causa delle circostanze – il rumore da Times Square e la musica che si riverbera dagli edifici – tutto quello che sente è il caos. Lei non può ascoltare la sua musica. Si tratta di un manicomio. A quel punto, non c’è modo di recuperare.
Al terzo brano, ha detto, “F-lo, neho avuto abbastanza.”

Avrebbe dovuto andarsene gettando il microfono sulla testa di qualcuno – quello si che sarebbe stato un grande momento. Dopo lo spettacolo, ho chiamato il produttore […].

Questa è una conversazione integrale. Ho chiesto, “Cosa è successo?”, Ha detto, “Ho appena parlato con i miei ragazzi e l’ho confermato, gli auricolari non funzionavano. Non poteva sorvolare? “ed io,” Cosa stai dicendo ‘sorvolare’? Sei impazzito? “E lui,” Cosa vuoi che faccia? “Ho detto,” voglio che interrompi la trasmissione. “Mi chiama di nuovo e dice:” Noi non possiamo farlo. ” quindi io ho detto, “si preferisce mandare in onda uno spettacolo con problemi tecnici in modo da poter avere un momento virale piuttosto che proteggere l’integrità del vostro spettacolo e Dick Clark Productions?” ha detto,  “Non lo faremo. Vuoi fare una dichiarazione congiunta? “E io:” No, voglio che tu vada a quel paese “E questo è stato.”

Cosa ne pensa Mariah?
Sta solo ignorarlo. Ha così tante cose più importanti da fare. E questo va sotto il titolo di “nessuna buona azione”, perché stava facendo un favore.

[…]

Posso capire la frustrazione se non fosse stata loro la responsabilità.
Ma avrebbero dovuto tagliare e mandare la pubblicità. Il fatto che non l’abbiano fatto mi dice che volevano un momento virale ad ogni costo. E questa non è una mossa di una società che ha mostrato 50 anni di integrità. Questo non è ciò che Dick Clark era. Amava gli artisti.
I fan l’hanno anche accusata di lip-syncing. Guardando il video, sembrava come se  parte della performance fosse stata pensata per essere in lip sync
No. Non è così.