Sono sempre stati padre e figlio nella mente degli inglesi. Si assomigliano anche, e parecchio. Ma a 20 anni dalla morte della compianta Lady Diana, ecco emergere una verità sconcertante.

L’ufficiale di cavalleria James Hewitt, con il quale Lady D. aveva avuto una relazione di 5 anni mentre era sposata con il principe Carlo, non è il vero padre del figlio minore della principessa, il rosso Harry. Il mondo intero ne è stato convinto per anni, nonostante la smentita di una delle guardie del corpo della principessa, Paul Burrell, che tempo fa aveva fatto notare che quando Lady Diana ed Hewitt cominciarono a frequentarsi, nel 1986, Harry era già nato.

Intervistato al Sunday Night australiano in occasione del ventesimo anniversario della morte di Diana, l’ex maggiore dell’esercito britannico ha negato di essere il genitore biologico del principino: “No, non sono il padre di Harry“.

Hewitt ha descritto le voci sulla sua presunta paternità come “bugie che servivano per vendere i giornali e che non hanno fatto bene ad Harry“, ma ha raccontato senza remore del suo amore per la principessa. “Diana aveva un’aura speciale attorno a sé. È stato un crescendo e ad un certo punto, sapete cosa accade, improvvisamente non ne avete mai abbastanza l’uno dell’altro“.

Non mi pento di niente – ha dichiarato riguardo al loro amore Era una persona di cui era così facile innamorarsi, quindi penso che questo mi verrà perdonato“.