maurizio costanzo

Intervistato dal Gambero Rosso, Maurizio Costanzo ha ammesso l’evidenza: mangiare gli piace, eccome. Ma proprio per questo il conduttore è a dieta da una vita (“conosco più dietologi che cuochi“). Il suo cibo preferito? “Il gelato al cioccolato, ma siccome sono sotto tutela, senza zucchero“.

Se la sala da pranzo è la sua stanza preferita della casa, in cucina il buon Maurizio non ci metta mai piede: “Io non so cucinare, non ho mai avuto la passione per la cucina, non so fare nemmeno il caffè“.

Anche il salotto sarebbe un buon luogo di relax se il televisore non mandasse in onda a ogni ora e su ogni canale programmi dedicati al mondo della cucina: “Ogni volta mi chiedo se non ci sia del sadico nei confronti del pubblico, perché la tv non ha odori e sapori. Per me una tortura. Ce n’è talmente tanto che si può anche ingrassare“.

E poi c’è MasterChef, con i suoi giudici-super star: “Oggi in Italia i cuochi sono più famosi dei cantanti in hit parade: anche per loro ci sono le classifiche, chi sale chi scende, chi vince… E poi sono tanti e diversi, non c’è un unico modello di cuoco. Propongono cucine alternative e antagoniste fra loro, hanno riconoscibilità e credibilità, sono dei veri e propri personaggi anche perché comunque sono bravi. Oggi un cuoco in vista è un leader carismatico. Sono anche diventati dei capi fazione: stimolano la disputa fra stili alimentari“.