Home VIP - Scoop ed Indiscrezioni dei personaggi del momento Eddy Martens: “Mi umiliava perché ero povero: ecco chi è la vera...

Eddy Martens: “Mi umiliava perché ero povero: ecco chi è la vera Antonella Clerici”

CONDIVIDI

Antonella Clerici non è quella che noi tutti pensiamo. Almeno secondo l’ex marito Eddy Martens che per allontanarsi da lei e dal passato ha scelto di trasferirsi addirittura a Bruxelles, dove oggi vive con una nuova compagna, Carmen Carrasco.

L’unica cosa che manca ad Eddy per essere di nuovo felice è poter stare con la figlia Maelle: Non posso educarla come vorrei e vivendo a distanza è tutto più difficile. La vedo durante le feste ‘comandate’. Ma non basta, mia figlia mi manca davvero” ha confessato Martens al settimanale Chi.

Tornare in Italia non è però nelle sue intenzioni data la brutta esperienza vissuta negli anni passati affianco ad Antonella: “Una parte degli italiani mi ha offeso, deriso e umiliato. Quando Antonella ha svelato il nostro amore, sono stato bersaglio di critiche indegne al limite del razzismo. Quando Antonella mi ha portato a lavorare con lei in tv, sapendo che ce l’avrei fatta, ho subito un linciaggio mai visto. Ho la nausea al solo ricordo“.

Del rapporto con Antonella non ha un bel ricordo, anzi: “Credo ci sarebbe voluto più equilibrio nella nostra coppia. Più pazienza. Quando Antonella ha scelto me e io lei, non era un gioco. Abbiamo fatto una figlia, che amo, ma si litigava e basta. Non c’era mai il compromesso. Ok, io ero il ragazzo di colore più giovane che voleva lavorare, e quindi? Dov’era il problema? Serviva del tempo, servivano le parole. Ormai tutto è andato e mia figlia mi manca da matti“.

Martens ci va giù pesante, criticando la scelta di Antonella di buttarsi tra le braccia dell’imprenditore Vittorio Garrone, ex presidente della Sampdoria: “Se non si chiamasse Garrone, non lo sposerebbe. Ne sono certo. Io sono stato messo alla berlina anche da lei perché sono nato e cresciuto povero. Questa mia condizione è stata un bersaglio facile per i media italiani“.