Detto fatto, addio Caterina Balivo: al suo posto arriva LEI!

caterina balivo

Cambio della guardia a Detto fatto? Il famoso programma di Raidue, dopo l’addio di Chicco Nalli, il marito di Tina Cipollari, rischia di perdere anche Caterina Balivo. La conduttrice storica del programma pomeridiano del secondo canale della Rai condurrà le ultime dieci puntate della stagione che andranno in onda dal 29 giugno, dopo l’interruzione dovuta al Giro d’Italia ma potrbbe non esserci più nella prossima edizione.

DETTO FATTO, BENEDETTA PARODI AL POSTO DI CATERINA BALIVO?

Caterina Balivo, incinta del suo secondo figlio che nascerà in piena estate, potrebbe non tornare a condurre Detto fatto. Il motivo, però, non sarebbe la sua voglia di concentrarsi sulla famiglia ma la possibilità di condurre un altro storico programma di mamma Rai.

Secondo quanto riporta il settimanale Oggi, infatti, Caterina Balivo sarebbe in lizza per condurre la trasmissione domenicale Quelli che il calcio, rimasta orfana di Nicola Savino che ha deciso di tuffarsi in una nuova avventura a Mediaset. Secondo il settimanale Chi, però, tra i nomi che la Rai sta vagliando per Quelli che il calcio ci sarebbero anche quelli di Luca e Paolo.

In ogni caso, al posto di Caterina Balivo alla guida di Detto fatto potrebbe essersi Benedetta Parodi che, comunque, non lascerebbe Real Time dove conduce Pronto e postato. Per la prossima stagione televisiva, dunque, in casa Rai potrebbero esserci importanti novità.

In attesa di capire quale sarà il suo futuro professionale, Caterina Balivo si sta preparando al parto a cui non assisterà il marito Guido, Maria Brera come ha rivelato ai microfoni di Tv, Sorrisi e Canzoni: “Ci dobbiamo essere solo io, l’ostetrica e il ginecologo, il parto è un momento mio”.

Dopo Guido Alberto, nato nel 2012, Caterina Balivo diventerà mamma di una bambina. Sul nome della piccola ha dichiarato: “Ci sarà la lettera ‘C’ che è anche la mia iniziale. Stiamo provando tutti i nomi con la ‘C’ in abbinamento al cognome ‘Brera’, ma è un cognome un po’ impegnativo per la scelta del nome”.