asia nuccetelli1
Foto Instagram da https://www.instagram.com/asianuccetelli.real/

Asia Nuccetelli, la figlia di Antonella Mosetti, continua ad essere accusata di essersi rifatta. Sui social, Asia Nuccetelli continua ad essere criticata e offesa dai followers. Stanca di leggere commenti negativi sul proprio conto, Asia Nuccetelli ha deciso di rispondere duramente agli haters.

ASIA NUCCETELLI, LA REPLICA AGLI HATERS

A parlare dei ritocchi estetici di Asia Nuccetelli è stata proprio Antonella Mosetti che, ai microfoni di Diva e Donna, ha dichiarato: “L’ho sempre bloccata su queste sue fantasie. A sedici anni, con le sue amichette, c’era questa emulazione verso i modelli televisivi, le veline. L’ho portata anche da uno psicologo. Non c’è stato verso… Una notte mi sono presa le sue foto e ho pensato a mia figlia come a una fan che mi chiede aiuto. Aveva questa gobbetta sul naso, non usciva più di casa. Appena maggiorenne, mi va magari da un chirurgo orrendo che me la rovina, ho pensato. Ho preso il miglior chirurgo che c’è in Italia, a Verona… L’ho strapagato. L’unico vero intervento estetico, poi solo qualche punturina di acido ialuronico, piccole cose”.

Stanca di essere giudicata, Asia Nuccetelli ha poi replicato così agli haters: “Posso dirvi una cosa? Io faccio quello che voglio. Mi dispiace per voi, state morendo dentro, si vede troppo. Non perdere questa grande, intelligente, unica, speciale, amorevole, dignitosa, gratis, seducente, opportunità…fatti i caz** tuoi. Io continuo sempre meglio, grazie”.

Asia, poi, ad una followers che invitava gli haters a farsi i fatti propri ha risposto: “Esattamente, tra l’altro sono anche una delle poche che l’ha sempre ammesso senza neanche pensarci! Il problema è che chi non ha la possibilità economica, il coraggio o magari chi l’ha fatto ed è uscito male per errore di un chirurgo sbagliato o di una base non buona, è sempre molto incattivito con chi al contrario si è migliorato! Io ormai sono abituata, diciamo che poi con il tempo inizi a capire quanto sia positivo tutto quello che fanno!”.