levante

Levante, il nuovo giudice di X Factor 11, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di Vanity Fair in cui ha parlato della sua vita e della sua dolorosa infanzia a causa della morte del padre.

LE CONFESSIONI DI LEVANTE

“Senza dolore non ci può essere arte” – afferma Levante, il cui vero nome è Claudia Lagona – “La mia infanzia è stata molto dura, sono rimasta orfano di padre quando ero molto piccola. Mi sono affacciata al mondo dei grandi quando avrei potuto vivere la vita senza quei pensieri con cui mi sono confrontata troppo presto. Diventare grandi all’improvviso non è semplice e nelle mie canzoni parlo proprio di questo dolore”.

Levante ha parlato della morte di suo padre anche in una canzone dal titolo Finzhè morti non ci separi. All’epoca parlò anche della madre dicendo:

“Ho sempre parlato di mio padre, della sua scomparsa. Dopo tantissimi anni ho sentito l’esigenza di parlare di mia madre. Della ragazzina che fuggì calandosi dalla finestra pur di seguirlo. Ovviamente ha anche cantato”.

Nonostante il dolore provato che l’ha fatta crescere in fretta, la cantante è riuscita a realizzare tutti i suoi sogni anche se con tantissimi sacrifici. Dietro il suo meraviglioso sorriso, dunque, Levante nasconde tanto dolore.