Simba le aveva salvato la vita durante una rapina in casa, prendendosi persino una pallottola per lei. Per questo, nonostante il pitbull negli ultimi tempi fosse diventato piuttosto violento, la sua padrona, Tania Klemke, non aveva avuto il coraggio di separarsi da lui.

Una decisione che è stata fatale alla 40enne, madre di tre bambini.

Intorno alle 4 di mercoledì notte, infatti, Simba ha attaccato – per ragioni ancora da capire – il compagno della donna, azzannandogli una gamba. Tania ha cercato di difendere il compagno e Simba ha rivolto la sua rabbia contro di lei, sbranandola viva.

La polizia, accorsa sul posto, si è vista costretta a sparare all’animale, che aveva tentato di attaccare di nuovo e che impediva l’intervento dei paramedici. Per Tania però non c’è stato nulla da fare. Il compagno invece, trasportato in ospedale, si riprenderà.