Grey’s Anatomy, Ellen Pompeo: “Quando c’era Patrick mi ricattavano così”

Prende 575mila dollari a puntata, fatevi un po’ voi il conto. Ellen Pompeo, la dottoressa Grey di “Grey’s Anatomy”, è oggi una delle attrici più pagate del mondo di Hollywood. Ma non è sempre stato così e, specialmente fino a quando anche Patrick Dempsey ha fatto parte dello show, la produzione ha sempre avuto un’arma per ricattarla.

«Quando Patrick ha lasciato lo show [nel 2015] è stato un momento decisivo per me – ha raccontato l’attrice senza peli sulla lingua a The Hollywood Reporter – Lo avrebbero sempre usato come ricatto contro di me. “Non abbiamo bisogno di te, abbiamo Patrick”, mi hanno fatto capire per anni. Non so se hanno fatto lo stesso con lui, perché non abbiamo mai parlato dei nostri contratti. Qualche volta gli ho chiesto di negoziare insieme, ma non è mai stato ineressato a farlo. Ad un certo punto ho chiesto 5mila dollari più di lui, per principio, perché lo show si chiama Grey’s Anatomy e io sono Meredith Grey. Non me li hanno voluti dare. Lì avrei potuto andarmene, ma è la mia serie, sono la numero uno. Sono sicura di sentire cosa provano molte altre attrici: perché dovrei lasciare una grande parte per colpa di un uomo? Ti senti in conflitto ma poi capisci: “Non lascerò che un uomo mi butti fuori da casa mia“».

Oggi le cose sono molto diverse: «Ho 48 anni ormai, sono finalmente in grado di chiedere ciò che merito, che è una cosa che arriva solo con l’età. Non sono l’attrice più importante là fuori. So che questa è la percezione nel settore perché ho fatto questo personaggio per 14 anni. Ma la verità è che chiunque può essere bravo nelle prime due stagioni di una serie. Ma puoi esserlo ancora dopo 14? Ecco, questo è una fottuta abilità».