Probabilmente, se hai deciso di aprire questo articolo, sei un genitore. Probabilmente, se hai deciso di aprire questo articolo, sei un genitore disperato. Tranquillo, qui, mio caro, avrai tutto le risposte del mondo. Tranquillo, perché qui, finalmente, dopo mesi di punti interrogativi a cui nessuna risposta è mai bastata, avrai le tue, di risposte. Tranquillo, non temere, l’attesa è finita.

Oggi, 15 settembre 2018, scoprirai perché tuo figlio, in questi mesi, ha rinunciato a tutto. Perché tuo figlio, in questi mesi, ha preferito restare a casa piuttosto che andare al mare. Perché contava nel villaggio turistico i giorni che lo separavano dal ritorno a casa. Scoprirai perché, tuo figlio, da un po’ di tempo, preferirebbe di tutto piuttosto che rinunciare per solo cinque minuti a quell’oasi fatta di pixel e asce da combattimento. Caro genitore, oggi, scoprirai tutto su quell’oasi chiamata Fortnite. Fortnite stesso è la risposta a tutte le tue domande. Fortnite non è nient’altro che il geometrico succedaneo della tedesca nel parco di casa, delle figurine Panini e delle gare in bicicletta.

I tempi cambiano: i ragazzi vogliono Fortnite

Mio caro genitore, i tempi cambiano e cambia anche l’attitudine al divertimento. Dal divertimento spontaneo si passa a quello meccanicamente digitale. O digitalmente meccanico, che dir si voglia insomma. Vi presentiamo Fortnite: è, nella sua modalità Battaglia reale, un gioco free-to-play di genere battle royale in cui 100 giocatori combattono tutti contro tutti… capito? No? Spieghiamo meglio. Fortnite è una piattaforma, dalle sembianze di un isola, in cui cento utenti (ed uno di questi è quel disgraziato del figlio vostro) utilizzano i loro omini virtuali (più spicciolo di così si muore) per uccidersi tra di loro. Come nelle migliori battaglie reali, uno su cento (e non su mille stavolta, caro Gianni) ce la fa. E agli altri novantanove spetta la morte. Virtuale. Già, solo virtuale, potete tirare un sospiro di sollievo. A meno che… no, scherziamo. Ai vostri figli non succederà perfettamente niente, potete starne certi. Questo è quanto.

Quello che non sapete su Fortnite

E vi diremo di più. Se vi è salita la curiosità, ecco alcuni trucchi di gioco, alcune tecniche, che potreste spacciare per vostre stasera a cena davanti ai vostri pargoli, per farveli di nuovo vostri. E se non vi interessa arruffianarvi i vostri ragazzi, abbiate almeno la decenza di passare loro il telefono o il pc su cui ci state leggendo. Fatelo, potrebbero esservene grati. Potreste essere voi, gli artefici della loro felice scoperta su come sfuggire alla terribile tempesta dell’isola. Fidatevi, potrebbe essere l’unica occasione di ritrovare il loro sorriso dedicato a voi e non a una doppia uccisione sull’isola più famosa della storia dei videogiochi.

Trucchi e segreti per Fortnite

  1. Non appena atterri sull’isola, rifugiati dietro un albero, una costruzione o un qualcosa simile. Questo perché, non appena ti vedono, già ti sparano. Se invece ti nascondi, hai tempo di pensare a come muoverti. E a non morire.
  2. Evita i luoghi affollati, ovviamente. E se invece sei un temerario, sappi che nei luoghi affollati, muoiono più concorrenti e quindi ci sono molte più armi da raccogliere.
  3. A proposito di armi, procuratene una per ogni tipo di situazione. Un’ascia per un combattimento corpo a corpo è da alternare ad esempio con un’arma da fuoco.
  4. Evita di “camperare” troppo a lungo. Cioè, di nasconderti troppo. Avversari molto più temibili potrebbero averla vinta su di te appena ti scoprono.
  5. Non fidarti troppo di te stesso. Non credere di potertela cavare in uno scontro a fuoco 1vs3 ad esempio. Non puoi pretendere di farli fuori tutti insieme. Dividit et impera. Affronta i tuoi nemici ad uno ad uno, in soldoni.
  6. Non rimanere mai senza munizioni, anzi procuratene già quando ti accorgi di essere in procinto di riserva. Perché nel tragitto per recuperarle, non è bello passeggiare disarmati.
  7. Evita di stare nella tempesta, o le tue risorse vita si esauriscono.
  8. Potresti invece provare a stare ai margini esteriori della tempesta, così da uccidere chi se ne trova malauguratamente immischiato… e indebolito.
  9. Ricorda che novantanove nemici sono troppi, forse un’alleanza temporanea potrebbe fare al caso tuo.
  10. In ultimo, il consiglio più importante. La vita è lì fuori, non dentro un server di Fortnite. Divertiti, ma non esagerare.

Anche SoloGossip è sbarcato tra le news di Google, Seguici da QUI con un CLICK!