Vittorio Parigini non ne vuole sapere più nulla: “Io e Sara Affi Fella ci siamo lasciati”.

Con poche parole, il calciatore definisce quella che è la sua posizione nella storia che è emersa nelle ultime ore e che riguarda molto da vicino Sara Affi Fella, ex tronista di Uomini e Donne. Sara si è ritrovato al centro di una enorme polemica dal momento in cui il suo ex ragazzo, Nicola Panico, è andato a raccontare la verità alla redazione di Uomini e Donne. Una verità che brucia e che mette in un brutto pasticcio la protagonista del programma, la giovane ventunenne, Sara.

Vittorio Parigini si tira fuori: “Io non c’entro nulla”

Vittorio Parigini
Vittorio Parigini: “Io e Sara Affi Fella ci siamo lasciati”

“Allora ragazzi voglio precisare una cosa: la storia tra me e Sara è finita. Quindi io non c’entro più nulla. Ciao”. Freddo, gelido, il post di Vittorio Parigini, centravanti del Torino. Con poche parole si è tirato fuori da una polemica ormai enorme, forse anche più grande di Sara, Nicola e lo stesso Vittorio insieme. Una storia in cui nessuno vorrebbe ritrovarsi, forse, neanche per sbaglio.

LEGGI ANCHE —> Patrick Baldassari, lavoro, età e figlia: tutto sul fidanzato di Valeria Marini

Se vuoi sapere altre news su Temptation Island Vip leggi qui –> Temptation Island Vip, l’enorme dramma di Andrea Cerioli

La verità raccontata da Nicola Panico è veramente scioccante e lascia tutti di stucco. Se le sue parole, come si ipotizza, rispondono al vero, beh, vuol dire che Sara ha soltanto giocato a far carriera servendosi di un programma televisivo. Un programma, quello di Maria De Filippi, che va in onda da anni e che, nonostante tutto, non si è mai trovato in polemiche assurde come questa. La redazione ha deciso di vederci chiaro. Ormai, bisogna andare fino in fondo a questa storia. Così, Claudio ha deciso di accogliere Nicola in un ufficio della produzione per dargli modo di raccontare tutto, veramente tutto. Adesso, Nicola Panico vorrebbe andare in trasmissione a porgere le sue scuse a Maria De Filippi ed a tutti gli altri perché anche lui si sente colpevole di tutto ciò.