Spread | Btp | Bund | Aggiornamenti in tempo reale

E’ più o meno dal 2011 che sentiamo parlare di Spread come se fosse l’unica ragione di vita del nostro Paese. Bene, allora cominciamo col guardare allo stato attuale in che situazione si trova l’Italia:

 

Che cos’è lo spread?

Innanzitutto, è un termine inglese. Termine inglese che in italiano si traduce con ‘differenziale’. Lo Spread determina, appunto, il differenziale tra il Btp italiano ed il Bund tedesco. In altre parole, la “forbice” tra il rendimento che offrono al momento i Btp (buoni del tesoro poliennale emesso dallo stato italiano) a 10 anni e quello che offrono i loro corrispettivi tedeschi, i bund.

LEGGI ANCHE —> Stasera in Tv: ecco la programmazione di venerdì 5 ottobre

Vi domanderete, a questo punto, a cosa serve? Perché se ne parla tanto? Beh, in effetti lo spread è un’unità di misura molto importante per certificare lo stato della stabilità economica di un paese confrontato con gli altri. Lo Spread non è un valore fisso. Anzi, può variare anche da un giorno all’altro. Già, perché non è altro che lo specchio del ‘rischio del Paese’. Per “rischio paese” intendiamo il rischio di insolvenza di operatori, pubblici e privati di un determinato stato. E questo può essere determinato da operazioni politiche, economiche e sociali. Dunque, esso varia a seconda di come cambiano i mercati al cospetto di queste situazioni.

Cosa succede quando sale?

Beh, è un dato preoccupante un po’ per tutti. Ma, in particolare, per le banche e i risparmiatori. I Btp, infatti, non sono altro che titoli di Stato acquistati dai risparmiatori. Denaro liquido che viene acquistato sotto un’altra forma da chi ha disponibilità economica.  Se lo Spread sale, quindi, quelli che hanno acquistato Btp hanno tutte le ragioni per essere preoccupati, perché praticamente perdono di valore. L’aumento di spread si traduce con l’aumento del differenziale tra Btp italiani e Bund tedeschi, a discapito dei titolo del nostro Stato. Quindi, accade che se i risparmiatori vogliono vendere i titoli di stato, il titolo stesso perde valore.