Ancora terremoto in Italia, questa volta in provincia di Napoli: a Pozzuoli.

Episodio terrorizzante vissuto questa mattina dagli abitanti di Pozzuoli, cittadina sulla costiera. Lo sciame sismico non si è ancora interrotto. La zona interessata è quella dei Campi Flegrei.

Cosa è successo?

All’alba di questa mattina ci sono state ben undici scosse di terremoto che, anche se di lieve entità, hanno preoccupato non poco la popolazione. La zona colpita è quella compresa tra gli Astroni e la Solfatara. La scossa più forte è arrivata intorno alle 10.00. Infatti, alle 9.45, come registrato dall’Osservatorio Vesuviano dell’Ingv, una scossa di magnitudo 2 della scala Richter si è verificata a circa 5 chilometri da Pozzuoli a una profondità di solo due chilometri.

E’ per questo che la scossa è stata avvertita in maniera abbastanza decisa. Adesso, si attendono aggiornamenti che arriveranno sicuramente nelle prossime ore. Intanto, diversi genitori sono corsi a scuola per prelevare i propri figli.

Il post del sindaco di Pozzuoli

A questo punto, era doveroso da parte del primo cittadino un intervento per ‘tranquillizzare’ in qualche modo la popolazione: “Da questa notte è in atto uno sciame sismico che ha coinvolto la città. La scossa più forte è stata registrata alle ore 9.45 di magnitudo 2.0. Non ci sono attualmente danni a cose e persone e non sussiste attualmente nessun pericolo. Siamo in costante contatto con l’Istituto di Vulcanologia e il fenomeno è nella norma. È importante non creare allarmismi perché si tratta della consueta attività bradisismica tipica del nostro territorio. Non ci sono variazioni dell’attuale livello di attenzione. Seguiranno eventuali ulteriori aggiornamenti e terremo i cittadini costantemente informati”