Matteo Costanzo
Matteo Costanzo è nella squadra di Fedez (screenshot Instagram)

Matteo Costanzo: il suo passato nella musica e il lavoro da producer

La musica c’è sempre stata nella sua vita: Matteo ha solo 25 anni ma fin da bambino ha avuto la passione per quella che definisce “la più grande forma di comunicazione”. Il primo regalo che ha ricevuto è stata una tastiera: con quella si chiudeva nella sua camera per creare nuove composizioni. Quando si è trovato davanti alla scelta tra gli studi all’Università e la musica, non ha avuto dubbi. Giovanissimo è andato via di casa per vivere di musica e ha iniziato a lavorare come produttore. Il suo è sempre stato un impegno finalizzato a far emergere altri cantanti, e tra le sue ultime collaborazioni vi sono quelle con Ultimo e Briga. Ma lavorare per “cucire la musica addosso agli altri” non era più stimolante per lui e così ha deciso di presentarsi al talent,con un suo brano: Nessuno mi sente. Il titolo è esplicativo della sua voglia di uscire dal dietro le quinte del lavoro di producer e mettersi in gioco in prima persona. E arrivando ad essere selezionato per i Live di X-Factor 2018.

LEGGI ANCHE:–> X-Factor 2018, chi è Sherol Dos Santos: età, carriera, vita privata

Matteo Costanzo in squadra con Fedez: le sue passioni musicali

Si è aperta questa finestra all’improvviso e ho sentito che c’era un viaggio che mi stava chiamando. E non potevo tirarmi indietro. Mi sono buttato

Così Matteo parla della sua esibizione davanti ai giudici di X-Factor. A quanto pare il suo talento è stato apprezzato da tutti i giudici, in particolare Fedez, che ha premiato il suo coraggio nel volersi esporre e non “nascondersi” dietro i talenti degli altri. Di solito il lavoro del producer, secondo il rapper, è quello di prendere solo il merito dei successi altrui senza rischiare la faccia.

Nonostante il suo impegno come cantante, Matteo non ha intenzione di lasciare lo studio di registrazione: il suo ideale sarebbe quello di fare musica dal vivo e produrre un disco l’anno. La sua passione per la musica nasce dall’ascolto di grandi artisti tra i quali spuntano Peter Gabriel, i Queen e i System of A Down; non disdegna i cantautori italiani alternativi come Lucio Battisti e Rino Gaetano. Un pensiero finale sulla musica di oggi:

Non parla di me, ma apprezzo anche molte cose nuove“.

Ha ancora tanto da mostrare al pubblico: infatti non ha ancora giocato la carta del suo passato da ballerino e chissà che in qualche esibizione, Fedez non sfrutterà anche il suo talento da breakdancer.

F. Ciardi

Anche SoloGossip è sbarcato tra le news di Google, Seguici da QUI con un CLICK!