E’ iniziato stamattina quello che può essere definito a tutti gli effetti il venerdì nero dei trasporti. Già, perché per quest’oggi è previsto uno sciopero generale dei mezzi pubblici (ma non solo) che potrebbe creare non pochi disagi in tutta Italia. Vi prendono parte, infatti, moltissimi sindacati ed enti di varia natura e provenienza.

La questione legata al lavoro precario continua a tenere banco in Italia, ancor di più dopo la salita al potere del nuovo Governo, designato da molti come il “Governo del cambiamento”. Per questo motivo, per tutta la giornata di oggi è previsto uno sciopero generale dei trasporti che inevitabilmente andrà a creare non pochi problemi, anche di ordine pubblico.

Si tratta di uno sciopero che riguarda praticamente ogni categoria di lavoratori e che, di fatto, è iniziato a partire dalle ore 21.00 di ieri sera. Si tratta di uno sciopero che riguarderà il trasporto nazionale e quello pubblico locale e aderiranno anche enti quali Trenitalia e Trenord. Essi, infatti, garantiranno un servizio minimo nei cosiddetti orari di punta, vale a dire dalle sei alle nove del mattino e la sera dalle ore 18 alle 21.

Leggi anche -> Terremoto in Grecia, trema anche tutto il sud Italia! Allerta tsunami

Sciopero mezzi pubblici: chi vi prende parte e fino a quanto durerà

Hanno aderito a questo sciopero diverse sigle sindacali, vale a dire: Usi, Cub, Sgb e Sial Cobas, Cub Sur e Usi-Ait. Per quanto riguarda Italo, è stata pubblicata una griglia in cui vengono elencati tutti quelli che sono i treni garantiti nel corso di questa giornata. Per quanto riguarda, invece, i voli, lo sciopero si concluderà questa sera alle 23.59 ma riguarderà solo il personale degli aeroporti di Milano e Bologna. Sono vari i motivi di questo sciopero (dai precari alla legge Fornero). Da domani il servizio tornerà ad essere regolare.

Anche SoloGossip è sbarcato tra le news di Google, Seguici da QUI con un CLICK!