La compagna del chitarrista dei Negramaro Lele Spedicato mostra le cicatrici che ha in testa.

Clio Evans, la moglie del chitarrista dei Negramaro Lele Spedicato, mostra le cicatrici che ha in testa per la prima volta dopo i problemi di salute avuti dal marito. Immagini che mettono i brividi: “Ciò che non uccide fortifica!”

Ha tenuto per diversi giorni tutti con il fiato sospeso la vicenda di Emanuele, detto “Lele”, Spedicato, chitarrista dei Negramaro, uno dei gruppi rock più famosi e apprezzati in Italia. Il musicista, colpito da una improvvisa emorragia cerebrale, è riuscito a salvarsi, ma l’accaduto ha tenuto tutti in apprensione. Fan della storica band e, ovviamente, in misura ancora maggiore le persone a lui più vicine.

Tra queste va annoverata certamente la moglie, che con una forza d’animo notevole gli è stata vicina anche nei momenti più bui. Non tutti i dolori vengono per nuocere, però, dal momento che la donna ha trovato in sé la forza di mostrare sui social qualcosa che aveva sempre nascosto fin qui: le sue cicatrici.

Per sapere tutto sui Negramaro e sul mondo della musica italiana, CLICCA QUI!

Lele Spedicato, la moglie mostra le sue cicatrici

Colpita, in maniera inevitabile, da quanto accaduto al marito, la moglie Clio Evans ha trovato il coraggio di mostrare quelle cicatrici che ha in testa e che fino a questo momento aveva sempre nascosto. Davvero commovente il post da lei pubblicato su Facebook.

Le cicatrici di Clio Evans
Le cicatrici di Clio Evans, moglie di Lele Spedicato dei Negramaro.

Questo il messaggio contenuto nel post: “Era tanto che pensavo di mostrare questa cicatrice ma ogni volta c’era qualche lavoro da fare e non so perché persino un senso d’imbarazzo con cui confrontarsi. Ma quale imbarazzo? Quello che non ci uccide ci fortifica! Ora la espongo come gesto di solidarietà verso il mio amore Lele e verso coloro che stanno lottando per la guarigione. […] Ce la feci allora e ce la stiamo facendo adesso grazie al Cielo, passo dopo passo”.

Leggi anche -> Negramaro, Emanuele Spedicato sta meglio: il bollettino medico ufficiale