Angela Finocchiaro: al centro della polemica in seguito ad un’affermazione poco carina

Angela Finocchiaro duramente attaccata sui social
La nota attrice Angela Finocchiaro è al centro di moltissime polemiche. Ieri sera, infatti, la comica è stata ospite al programma di Rai 3 “La tv delle ragazze”, condotto da Serena Dandini, e si è lasciata andare ad un’affermazione poco carina nei confronti del genere maschile. La cosa che, però, ha suscitato più scalpore è il fatto che Angela, in quel momento, si rivolgeva ad un pubblico di bambine. Inutile dire che immediate sono state le reazioni da parte del pubblico da casa. Ma non solo. Perché a volere dei seri provvedimenti nei confronti della Finocchiaro sono proprio la Lega e Simone Pillon, vicepresidente della Commissione parlamentare per l’infanzia e adolescenza.

Per ulteriori news su tutti i Vip del momento –> CLICCA QUI

Leggi anche –> Fabrizio Corona choc: tutta la verità su quei “rapporti” con Lele Mora

Leggi anche –> Jane Alexander senza freni: la proposta indecente al duo comico e un incontro al peperoncino

Angela Finocchiaro, la sua frase spiazza tutti: è protesta sui social

Nel corso del programma “La tv delle ragazze”, Angela Finocchiaro è stata protagonista di un episodio davvero spiacevole ed imbarazzante. La comica, infatti, ha espresso il suo giudizio sul genere maschile, definendo tutti gli uomini “pezzi di m***a”. Ciò che ha provocato la polemica è il fatto che Angela non abbia tenuto conto con chi si stava relazionando: un pubblico di bambine. Infatti, dopo tale affermazione, una bambina è intervenuta per sapere se anche suo padre potesse essere definito in questo modo. Ma Angela non cambia risposta, anzi rincara la dose, deludendo chiaramente le aspettative della piccola. Inutile dire che non sono tardate le reazione del pubblico sui social, nonostante la conduttrice Serena Dandini abbia tentato di giustificare l’affermazione della comica.

La frase di Angela Finocchiaro che provoca polemiche

Dopo la frase di Angela Finocchiaro immediate sono state le reazioni. Non solo il pubblico si è scatenato sui social, ma anche la Lega ha preteso che l’attrice chiedesse scusa. Ma non è finita qui. Perché Simone Pillon, vicepresidente della Commissione parlamentare dell’Infanzia e dell’Adolescenza ha espresso tutto il suo rammarico. Per il parlamentare, infatti, è inammissibile che determinati discorsi, coperti da una vena ironica, possano passare in una tv pubblica. Senza contare che definire i genitori di un bambino in quel modo è, senz’altro, violenza psicologica.