Anticipazioni Scherzi a Parte, ultima puntata oggi 30 novembre 2018. Gli ospiti e le vittime degli scherzi.
Va in onda questa sera l’ultima puntata di Scherzi A Parte. In prima serata su Canale 5, condotto da Paolo Bonolis, il programma pieno di gag e di risate è arrivato alla conclusione e lo fa con il botto. Questa sera, 30 novembre 2018, l’appuntamento è come sempre alle 21,15 e gli ospiti dell’ultima puntata di Scherzi a Parte sono molto interessanti.

Leggi anche –> Stasera in Tv, venerdì 30 novembre: Prodigi, Nemo-nessun escluso, Scherzi a Parte, No escape | Ecco tutti i programmi e i film di oggi

Scherzi a Parte, vittime puntata oggi 30 novembre 2018

Paolo Bonolis, conduttore di Scherzi a Parte, porta a termine il suo viaggio nel mondo di Scherzi a Parte con diverse vittime. Tra gli ospiti di questa sera vedremo Matteo Renzi, Andrea Iannone, Giuseppe Cruciani e Andrea Pucci.  Lo scherzo ad Andrea Iannone, ex fidanzato di Belen Rodriguez vedrà protagonista la sua auto. Il team di Scherzi a Parte fingerà il furto dell’auto del pilota e ne seguirà anche una strana richiesta di riscatto. Altrettanto divertente sarà lo scherzo architettato ai danni di Matteo Renzi. Sarà lui infatti l’ospite principale dell’ultima puntata di Scherzi a Parte anche se ancora non si sa come si svolgerà la gag. Sicuro è che, Matteo Renzi, potrebbe sfruttare l’occasione di questo scherzo per lanciare il documentario sulla sua vita, Florence, al fine di riabilitare un po’ la sua immagine.

Volete sapere tutto su Scherzi a Parte, gli ospiti e le gag più belle del programma? Allora CLICCATE QUI.

Ultima puntata Scherzi a Parte

Scherzi a Parte si chiude dopo quattro serate intense ricche di ospiti interessanti e di scherzi molto divertenti come quello a Barbara D’Urso o a Paola Perego. Il pubblico ha premiato con grande audience Scherzi a Parte che si è classificato molto bene settimana dopo settimana confermando come questo format sia sempre molto amato. Come già era successo nel passato infatti vedere i personaggi del mondo dello spettacolo o della politica in una veste più “umana” crea empatia.