Marcin Patrzalek
Marcin Patrzalek vince tu si que vales: scopriamo tutto sulla sua vita privata e sull’inizio della sua carriera.

Chi è Marcin Patrzalek: vita privata ed info di varia natura sul vincitore di “Tu si que vales 2018”.
La serata di ieri, anche in termini di share e di ascolti TV, ha visto certamente trionfare “Tu si que vales”. Il talent show, infatti, ha assistito ieri sera all’atto conclusivo di questa edizione 2018 davvero piena di soddisfazione. Per i presentatori, i giudici, i concorrenti ed anche per la produzione. Ad aggiudicarsi il tanto ambito premio è stato Marcin Patrzalek. Scopriamo insieme chi è.

E’ nato il 6 ottobre del 2000 a Kielce, in Polonia. Ha iniziato a suonare la chitarra giovanissimo, a 10 anni, per volere del padre che lo iscrisse ad un corso. L’intenzione era quella di tenerlo occupato durante le ferie estive, ma in realtà gli consentì di scoprire la sua grande passione. Suona la chitarra classica, oltre a quella acustica ed a quella jazz, ed ha delle doti fuori dal comune.

Soprattutto considerando che ha solo 18 anni. Il suo talento non è passato inosservato ed in finale ha portato a casa il successo con il 54 % dei voti.

Per conoscere in tempo reale le ultime dal mondo della musica e dello spettacolo in generale, CLICCA QUI!

Chi è Marcin Patrzalek

Ovviamente è migliorato pian piano e l’ultimo passo in avanti fatto è stato quello di imparare la cosiddetta tecnica fingerstyle (suonare con le dita pizzicando le corde senza l’ausilio del plettro). A questa tecnica di base, poi, ci ha aggiunto un tocco molto personale aggiungendoci anche delle percussioni.

Non ha, però, nessuna intenzione di accomodarsi sugli allori dal momento che ha già annunciato che utilizzerà parte dei 100mila euro ricevuti come premio per la vittoria a “Tu si que vales” per studiare chitarra in America.Non è il primo riconoscimento importante per lui, dal momento che in patria aveva vinto il tanto ambito “Must be the music Poland“.

Leggi anche -> Belen Rodriguez a Tu si que vales: spacco vertiginoso, ma c’è anche un altro ‘dettaglio’