Checco Zalone
Checco Zalone e la sferzata a Di Maio e Salvini

Checco Zalone pungente: “Di Maio e Salvini si prendono per il cu*o da soli”
Il noto attore comico ha rilasciato un’intervista a ‘Rolling Stone’ in cui spiega la sua visione sul piano politico attuale. Ha trattato tanti argomenti e non poteva mancare un commento sul Matteo Salvini e Luigi Di Mario. Queste le sue parole: “Non è più irriverente prendere per il culo Salvini o Di Maio. Già si prendono per il cu*o da soli”. Parola di Checco Zalone, che in un’intervista a Rolling Stone ha dedicato qualche parola all’attuale situazione politica italiana.

LEGGI ANCHE —> Reddito di Cittadinanza, Di Maio: “Ecco quando partirà, ho un timore”

Poi, ha continuato: “Al momento è quasi impossibile far ridere la gente prendendo un personaggio in auge. Sapete perché? Perché i personaggi forti, i leader, si servono dei nostri stessi media e li sentiamo vicini più vicini del solito”.

Checco Zalone parlerà di immigrazione nel suo nuovo film

Non sappiamo quando uscirà il nuovo film di Checco Zalone. Nell’intervista ha voluto specificare, comunque sia, che il tema principale del film non sarà la politica. Anche se, poi, annuncia: “Ho scritto già due canzoni, una si intitola ‘se t’immigra nel cuore”. Tutta l’ironia sprezzante di Checco Zalone è quella che già immaginiamo nel suo nuovo film. Tuttavia, non ha svelato la data di uscita perché probabilmente ci sta ancora lavorando. Beh, intanto però possiamo attendere il più vicino ritorno al cinema che avverrà prossimamente con Moschettieri del re – La penultima missione di Giovanni Veronesi. C’è molta attesa intorno a questo nuovo film. Checco Zalone ha messo la firma col suo vero nome su questo nuovo lavoro: Luca Medici. Stando alle indiscrezioni, avrebbe composto addirittura la colonna sonora originale col suo gruppo, i Gratis Dinner. Una collaborazione iniziata per caso mentre era a cena con il produttore Pietro Valsecchi. Gli propose di produrre le musiche e lui: “Scherzi? Non so se sono in grado”.

Leggi anche -> Pace Fiscale, intesa tra Salvini e Di Maio: ecco come cambia il decreto