Cicciogamer89
Cicciogamer89 ospite a Mai dire Talk racconta la sua delusione vissuta nel programma

Cicciogamer 89 si lamenta per essere stato preso in giro in maniera pesante dalla Gialappa’s Band e dal Mago Forest
Una serata da dimenticare quella del di un volto noto del web, famoso col nome di Cicciogamer89. Secondo lui quella che doveva essere una intervista da parte del conduttore di Mai dire Talk e del trio di comici che intervengono spesso nel corso della trasmissione, si è trasformata in una occasione ‘sprecata’. Il giovane aveva accettato l’invito al programma di Italia 1 per parlare del suo lavoro e per farlo conoscere al grande pubblico della TV. Ma purtroppo le battute del Mago Forest sul suo peso e il suo atteggiamento fin troppo confidenziale gli hanno tolto questa opportunità. Cicciogamer89 è abituato a rivolgersi ai giovani che sono la maggior parte dei suoi followers. A Mediaset aveva la possibilità di far conoscere, e magari anche apprezzare, la sua professione anche a coloro che non lo conoscono tuttora. Ma a quanto pare l’occasione è sfumata.

Se ti piace Cicciogamer89 e vuoi conoscere tutte le news sui personaggi TV CLICCA QUI.

LEGGI ANCHE:–> Stasera in Tv, la seconda puntata di Mai dire Talk: ecco tutte le anticipazioni

Il video-sfogo di Cicciogamer89 ha ottenuto più di 400 mia visualizzazioni

Se in Tv né il Mago Forest né la Gialappaì’s gli hanno dato modo di parlare di sé, lo youtuber ha deciso di utilizzare il ‘solito’ canale di comunicazione per sfogarsi sull’accaduto. Il video lungo ben 13 minuti ha ottenuto in breve tempo oltre 400 mila visualizzazioni. In esso lo youtuber cerca di difendersi dalle accuse di coloro che lo accusano di aver ‘spiattellato’ in Tv il suo lavoro. Ma in realtà lui stesso spiega che non ne ha avuto occasione, poiché i conduttori hanno solo ironizzato sul suo peso. Insomma una occasione sprecata ma anche un momento di grande difficoltà vissuto dal ragazzo che ringrazia tutti del supporto che gli hanno dimostrato. Addirittura si autodefinisce ‘bullizzato’, seppur consapevole che la parola potrebbe essere impropria poiché non si è trattato di una vera e propria violenza ma di uno spiacevole episodio che si sarebbe potuto evitare.