Notizia di poche ore fa: infermiere violenta una paziente in un ospedale a San Giovanni Rotondo

San Giovanni Rotondo, ultim’ora incredibile: infermiere violenta una paziente
Un infermiere dell’ospedale “Casa Sollievo della Sofferenza” avrebbe violentato una paziente. È questa la notizia choc che circola sul web da un paio di ore. L’infermiere in questione, di cui non sono state diffuse le generalità per tutelarlo, sarebbe stato accusato di violenza fisica ai danni di una sua paziente. Secondo il racconto della donna, infatti, la violenza sarebbe stata consumata circa un mese fa. In particolare, l’infermiere è accusato di aver praticato delle pratiche sanitarie che non erano assolutamente di sua competenza. Ma che, soprattutto, risultano essere davvero invasive per chiunque. L’accusato, adesso, è agli arresti domiciliari. Nonostante dichiari apertamente la sua innocenza.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie d’attualità? –> CLICCA QUI

Leggi anche –> Turchia, uccide il marito violento: arriva la sentenza di assoluzione

Leggi anche –> Venezia, via Gesù dalla canzoncina di Natale: il gesto della bambina spiazza tutti

San Giovanni Rotondo, notizia incredibile: infermiere violenta una paziente

In una nota struttura ospedaliera della città di San Giovanni Rotondo, un infermiere avrebbe abusato di una sua paziente. La violenza, consumatasi circa un mese fa, ha letteralmente scosso la donna. Che, subito dopo l’accaduto, ha informato la sua famiglia e i medici. I militari, repentinamente, sono intervenuti. Ed hanno disposto dei seri provvedimenti. Si parla, infatti, di allontanamento e di licenziamento. L’avvocato Pasquale Rinaldi riferisce: “Dopo un primo periodo di sospensione dal posto di lavoro, il mio cliente non lavora più lì”. Annunciando, addirittura, il ricorso. Ma c’è dell’altro. Perché l’avvocato riferisce che vi è una perfetta coincidenza tra le due versioni dei fatti. Ovvero quella raccontata 40 giorni fa, davanti ai dirigenti dell’ospedale. E quella durante l’udienza. A nulla, però, sono valse le sue dichiarazioni di innocenza. Poiché il Gip del Tribunale di Foggia, ha predisposto gli arresti domiciliari.