Aggressione a Luigi Favoloso, fidanzato di Nina Moric: ecco svelato il motivo

Il fidanzato di Nina Moric, Luigi Favoloso: ecco svelato il motivo dell’aggressione

Aggressione a Luigi Favoloso: ecco la testimonianza choc
Soltanto pochi giorni fa, vi avevamo parlato di un’aggressione ai danni di Luigi Mario Favoloso, fidanzato di Nina Moric. Era il 1 dicembre, infatti, quando Luigi fu ricoverato in un ospedale a Milano, in seguito ad una rissa. All’epoca, però, non si conoscevano ancora i reali motivi. D’altra parte, Luigi si è sempre contraddistinto per il suo carattere peperino. Ebbene. A distanza di 10 giorni, siamo riusciti a sapere il vero motivo. A quanto pare, infatti, il bel campano, per difendere una ragazza in evidente difficoltà con uno sconosciuto, ha avuto la peggio. È Luigi stesso a raccontarlo in una lunga intervista al settimanale “Oggi”. Capiamo insieme la dinamica dell’incidente.

Per ulteriori news su Luigi Favoloso e la sua relazione con Nina Moric –> CLICCA QUI

Leggi anche –> Piccolo incidente per Nina Moric durante il viaggio con Luigi Favoloso | VIDEO

Leggi anche –> Choc Nina Moric e Luigi Favoloso: “Abbiamo perso un figlio”

Luigi Favoloso, aggredito e picchiato: la sconvolgente verità

Non si sarebbe mai aspettato Luigi Favoloso che, per difendere una ragazza in difficoltà, sarebbe stato mandato in ospedale. Invece, si. È questo quello che è accaduto al fidanzato di Nina Moric una decina di giorni fa. A raccontare lo spiacevole episodio è Luigi, in un’intervista al settimanale “Chi”. Dopo diverse teorie e supposizioni, infatti, si conoscono i reali motivi. Ma non solo, a parlarne è proprio la diretta interessata: Nadia. La ragazza aggredita da uno sconosciuto, all’interno di un parcheggio di un supermercato. “Stavo facendo la manovra, ed è apparso quest’uomo dal nulla, dicendomi delle parolacce”, così inizia il suo racconto Nadia. Poi continua: “È intervenuto Luigi che non conoscevo. Ed ha ricevuto una borsa in faccia.” Ecco, quindi, svelato il perché. E, d’altra parte, Luigi conferma. Dicendo che se non avesse fatto nulla quella sera, non se lo sarebbe mai perdonato. Complimenti, Luigi!