Matteo Salvini: l’ex suocero vittima di rapina in casa. Ecco cosa è successo

Matteo Salvini
L’ex suocero del Vicepremier vittima di una rapina in casa. Ecco cosa è successo

L’ex suocero di Matteo Salvini, Lino Ieluzzi, è stato minacciato e derubato in casa sua
Il padre della ex moglie del Vicepremier in carica ha subito una rapina nella sua abitazione a Milano, nella zona dei Navigli. La vittima si chiama Lino Ieluzzi e può vantare, oltre alla illustre e passata parentela familiare, anche una carriera come commerciante. Infatti il 73 enne padre della ex moglie del Ministro, Fabrizia Ieluzzi,è molto noto nella sua zona per la sua boutique di abbigliamento, Al Bazar in via Scarpa nel capoluogo lombardo. La rapina è avvenuta nella prima serata del 13 dicembre, intorno alle 20:30. In quel momento in casa erano presenti sia il proprietario sia la sua domestica. Per fortuna nessuno dei due ha subito danni in seguito all’aggressione. La polizia sta indagando sulla vicenda e pare stia ancora cercando di identificare gli autori della rapina.

LEGGI ANCHE:–> Matteo Salvini, spunta un retroscena ‘social’ che non tutti conoscono

Se vuoi conoscere tutto sulla vita privata del Vicepremier Matteo Salvini CLICCA QUI.

L’ex suocero del Vicepremier rapinato in casa. Era già accaduto ai genitori del Vicepremier

Lo scorso anno i genitori del Ministro, avevano ricevuto una sgradita visita di alcuni ladri nella loro abitazione in zona Lorenteggio a Milano. La loro ‘fortuna’ è che in quel momento non fossero in casa. Solo al ritorno hanno ritrovato la loro casa svaligiata, ma i ladri sono stati fermati qualche settimana dopo. Invece l’ex suocero, Lino Ieluzzi era purtroppo presente al momento dell’aggressione. Pare che i ladri non abbiano avuto grosse difficoltà per entrare nell’appartamento. La domestica di casa era uscita a portare fuori il cane a fare i suoi bisogni. Probabilmente i malviventi conoscevano bene le sue abitudini e hanno atteso il momento giusto per agire. Entrati in casa hanno minacciato le due vittime con dei coltelli. La refurtiva ammonta a circa centomila euro tra contanti e oggetti preziosi. Dopo la rapina è stato proprio il signor Ieluzzi ad allertare le forze dell’ordine.