Fabrizio Corona racconta: “Ecco come Asia Argento mi ha lasciato”

Fabrizio Corona app
Fabrizio Corona svela come Asia Argento lo ha lasciato tramite un messaggio: il metodo è davvero geniale ed in linea con il personaggio.

Fabrizio Corona svela: “Ecco come mi ha lasciato Asia Argento”.
Tra le coppie più chiacchierate degli ultimi mesi va necessariamente annoverata quella formata dall’ex re dei paparazzi e dalla attrice Asia Argento. I due sono durati poco insieme, ma hanno avuto uno spazio nella cronaca rosa italiana davvero considerevole e, forse, eccessiva. Complice, a tal proposito, il fatto che sono due volti a dir poco noti dello spettacolo in Italia.

In una lunga intervista concessa a “Non è l’arena” andata in onda ieri sera, il fotografo ed imprenditore siciliano ha raccontato, stavolta, come è finita con la nota show girl. Soffermandosi, poi, in maniera particolare sulle modalità con cui proprio lei ha deciso di chiudere questa storia.

Per sapere tutto in tempo reale sugli ultimi sviluppi relativi al rapporto tra Fabrizio Corona e la nota attrice Asia Argento, CLICCA QUI!

Fabrizio Corona racconta come Asia lo ha lasciato

Davvero molto singolare, sia il racconto che la loro separazione: “Noi siamo simili dal punto di vista umano e da quello della sensibilità, ma resta che veniamo da due mondi diversi. Lei è una donna di cinema ed è un mondo più di nicchia. E’ la donna più intelligente che abbia mai conosciuto in vita mia. Il modo in cui mi ha lasciato dimostra tutta la sua genialità. Non voglio violare la privacy, ma è davvero una delle cose più belle di sempre. Mi ha mandato un messaggio in cui c’era scritto “Addio” ed una canzone di Piero Ciampi. Io non sapevo chi fosse, di Ciampi conoscevo al massimo il presidente. Credo che adesso tantissimi ragazzi si lasceranno in questo modo.

La canzone in questione è “Adius” che si conclude con una serie di “Vaffa…” Insomma, ad essere stata originale, è stata originale…

Leggi anche -> Fabrizio Corona a Non è l’arena, il racconto dettagliato sulla notte della sua aggressione