Caterina Balivo, Vieni da Me: il racconto di Giulia che aveva bisogno di un cuore nuovo.
Giulia, è una giovane ragazza che è stata ospitata da Caterina Balivo nel suo salotto di Vieni da Me. La ragazza ha scritto una “lettera a Babbo Natale” per ringraziare la famiglia da cui ha ricevuto un cuore nuovo. La ragazza ha voluto però ribadire l’importanza della donazione degli organi: “Il pensiero va sempre alla famiglia della donatrice del mio cuore. La mia forza arriva da un’altra ragazza, non so chi mi ha donato il cuore, ma li volevo ringraziare”.

Leggi anche –> Vieni da Me, Caterina Balivo, la straziante storia di Giovanni: “Ero un homeless”

Giulia, Vieni da Me: Ero certa di morire

Giulia racconta: “Ad aprile del 2017 ho subito un trapianto di cuore. Ero cardiopatica, già da bambina. Avevano scoperto che avevo una malformazione cardiaca. Fin da piccolina non avevo molte limitazioni, il mio obbligo era fermarmi quando mi sentivo stanca. Crescendo il cuore si affaticava sempre di più. A 19 anni ho avuto uno scompenso cardiaco, dopo un concerto ho sentito che dal nulla il mio cuore ha iniziato a battere fortissimo. Ho capito che c’era qualcosa che non andava e sono stata portata in ospedale. Ho guardato il mio fidanzato, gli ho detto di scusarmi, ero certa sarei morta. I medici mi hanno salvato e sono entrata nella lista per ricevere un cuore nuovo”.

Volete sapere tutto su Vieni da Me e i gossip sui personaggi più amati della televisione? Allora CLICCATE QUI.

Vieni da Me, Giulia: “Ho ricevuto un cuore nuovo, ma…”

“Mi hanno detto di rimanere sempre reperibile – continua a raccontare Giulia – Perché da un momento all’altro potrebbe arrivare un cuore. Speri sempre che arrivi la chiamata, ma sai che il tuo cuore arriva da una persona che ha perso la vita. Un giorno ho ricevuto una chiamata dal centro trapianti. Stavano valutando il cuore di una ragazza di 26 anni. Sono andata in ospedale con tutti quelli che erano a cena con me”. Caterina Balivo invita così la ragazza a parlare di quel momento in compagnia della mamma che aggiunge: “Quando ci hanno detto che era andato tutto bene e che era una Ferrari, lì sono stata molto contenta. Pensavo di vederla stanca, invece rideva, faceva battute… Era rinata”.