Cesare Battisti
Cesare Battisti arrestato
E’ stato arrestato Cesare Battisti in queste ultime ore: a Santa Cruz, la città più popolosa della Bolivia. Il suo viso era cambiato: quando la polizia gli ha stretto le manette ai polsi aveva barba e baffi. L’Interpol ha portato avanti un’operazione delicatissima e alla fine è riuscita a catturare il latitante che lo scorso dicembre era riuscito a scappare dal Brasile. Proprio così, Battisti decise di scappare perché sapeva perfettamente che l’elezione di Bolsonaro avrebbe messo fine al suo status di rifugiato politico concessogli nel 2009.
Il Brasile non voleva che ci fossero atti di persecuzione nei confronti di Battisti per le sue idee politiche. Così, aveva deciso di concedere l’estradizione solo se l’Italia avesse commutato i due ergastoli in una pena massima di 30 anni di carcere.
Per ulteriori news su tutte le tematiche d’attualità, notizie di cronaca e gli argomenti più discussi della politica odierna –> CLICCA QUI

La comunicazione a Matteo Salvini

La notizia è arrivata ben presto in Italia. Il figlio di Bolsonaro, deputato al Parlamento brasiliano, ha twittato a Matteo Salvini: “Il Brasile non è più terra di banditi, Matteo Salvini il piccolo regalo è in arrivo”, prendendo in riferimento le parole del padre: “Se vinco le elezioni Battisti sarà il mio regalo”.

Chi è Cesare Battisti: scrittore o killer?

Cesare Battisti è un ex terrorista italiano nato nel 1954 a Cisterna di Latina. E’ evaso dal carcere dopo essere stato condannato a 12 anni con l’accusa di banda armata. Si è rifugiato in Brasile, dove è stato accolto come rifugiato politico. Ed è lì che ha iniziato la sua ‘carriera’ da scrittore di romanzi Noir. L’accusa nei suoi confronti è grave. Cesare Battisti è stato condannato per quattro omicidi, due in collaborazione con altri, due da solo.