Mario Adinolfi choc: “No ai preservativi, chi lo fa responsabilmente non corre rischi”

Mario Adinolfi
Mario Adinolfi, in una intervista concessa ai media, ha parlato senza mezzi termini dei preservativi: “Dico “no”, chi lo fa occasionalmente merita le malattie”. Le parole fanno discutere e non poco.

Mario Adinolfi: “No ai preservativi, chi lo fa occasionalmente merita le malattie”.
Non sono mai banali le sue considerazioni e spesso, attorno ad esse, si sollevano dei polveroni impressionanti. Si tratta di uno dei volti più noti della politica italiana, e nella sua carriera ha svolto anche la professione di giornalista, oltre ad essere un giocatore di poker ed un blogger. Da qualche anno guida il movimento politico “Il popolo della famiglia”, che lotta per difendere la cosiddetta “famiglia tradizionale”.

Per guardare tutte le foto condivise sui social dal politico Mario Adinolfi, allora CLICCA QUI!

Nelle ultime ore ha fatto ancora parlare di sé per delle dichiarazioni a dir poco sorprendenti. Queste le sue parole affidate a Radio Cusano Campus, emittente radiofonica dell’Univeristà Niccolò Cusano di Roma. Questo quanto evidenziato da TPI: “La prevenzione si fa attraverso la sessualità responsabile. Io non corro rischi di contrarre la malattia perché conosco la persona con cui faccio l’amore, quella persona ha lo stesso tipo di rispetto nei miei confronti”.

Per conoscere in tempo reale tutto quello che c’è da sapere sulla vita privata e professionale del politico a dir poco famoso per le sue idee sempre molto criticate, vale a dire Mario Adinolfi, allora CLICCA QUI!

Mario Adinolfi, le parole che fanno discutere

Davvero sorprendenti, anche se solo in parte, conoscendo il personaggio. Che poi ha aggiunto: “Se viene mio figlio di 18 anni a chiedermi di fare il giro delle prostitute, io non è che gli do il preservativo. Gli do uno schiaffo e gli spiego che deve imparare a rispettare le donne. Anche per i rapporti occasionali è lo stesso, chi è più continente non corre rischi. Dire: vai con chi ti pare ma usa il preservativo è una risposta al problema che a me sembra debole”. Insomma, si sentirà parlare ancora a lungo di queste parole in maniera inevitabile.

Leggi anche -> Rocco Siffredi, la clamorosa provocazione a Mario Adinolfi: “Il tuo è solo desiderio”